CERCEPICCOLA

France - Trend Micro PC-cillin Internet Security
 
Codice Istat: 014070018
 Prefisso telefonico: 0874
 CAP: 86010
 

 
 
 
Le Frazioni di Cercepiccola
Casale, Crocella, Morena, Piano di Luzio, Ruvo Piano, Sterparello
 
 
Un pó di Storia

Si ipotizza che in epoca sannito-romana una “città dell’incontro” si estendesse sulle colline Padulatta, Filoseta, Veticaro, Piscine di Fabio, Padulo la Corte, Validea, Citerna e Vicende dell’Incontro. Tale ipotesi pare sia suffragata dal rinvenimento di alcuni reperti archeologici nei siti citati. La città, nata sul lato opposto del fiume Tammaro rispetto ad Altilia, pare fosse denominata Cornificia per via dei Sanniti Pentri, che apponevano corna sull’elmo e fregiavano di corni d’oro e d’argento i loro soldati. Con maggiore probabilità è da ritenersi che la città si chiamasse Celsa (o alta, elevata, sublime) dall’idea della montagna Universale che la sovrastava.  Nel 295 a.C. la celebre città di Sepino veniva espugnata dal console Lucio Papiro Cursore. Nello stesso periodo il generale di cavalleria, Fabio Rulliano, conquistò l’antica città di Celsa, alleata di Sepino. Fu probabilmente lo stesso Fabio che lasciò il nome alla contrada ancor oggi denominata “Piscine di Fabio” e “Citerna di Fabio”. Ad ogni modo è certo che nel 295 a.C., la città cadde nelle mani dei romani ......continua...

Storia Emigrazione : Alla fine dell'Ottocento 1.000 persone si diressero nel Centro America, negli USA e in Argentina, mentre, dopo il 1951 furono Paesi come il Canada e l'Europa a destare l'interesse degli emigranti. In seguito fu presa  di mira l'Australia e le zone interne dell'Italia, come Campobasso, Roma e alcune citt? del Nord. Dai 2.000 abitanti di inizio secolo il paese di Cercepiccola ? passato agli 800 residenti attuali.

Il Palazzo Ducale :  

Ottaviano Carafa, nel 1571, fece costruire l’attuale Palazzo ducale a pianta quadrangolare che, nell’interno del cortile, conserva ancora delle arcate che dovevano far parte di un’ampia scuderia.
Adiacente ad esso sorge la chiesa parrocchiale di San Salvatore, un edificio di origini antiche più volte restaurato e totalmente ricostruito nel 1950, unitamente alla torre campanaria risalente al 1200. All’interno sono ben conservati una statua dell’Immacolata del 1770, opera dello scultore campobassano Paolantonio Di Zinno e il quadro della “Trasfigurazione”, opera del pittore Mattia Preti detto “il calabrese” ( 1613-1699 ). Dietro la chiesa c’è un bel giardino con una moderna vasca a zampillo e giochi per i bambini.

In piazza c’è un’antica e monumentale fontana a tre cannelle alimentata dalle sorgenti del ruscello Chirchietto. Nel centro storico del paese, sull’area recuperata con la demolizione di alcuni fabbricati pericolanti, è stata realizzata recentemente una piazzetta, denominata “Fontanino” dall’originario nome del lavatoio sovrastato da un fontanino in ferro. Il lavatoio ed il fontanino sono rimasti inalterati, in segno di continuità, mentre la struttura della piazza è stata realizzata a foggia di scalinata - anfiteatro in cui possono aver luogo rappresentazioni teatrali e concerti all’aperto.
Altra opera importante realizzata di recente, è il centro sportivo polifunzionale in località “cappella”, che dispone di un campo da tennis, due campi di bocce e, dulcis in fundo, di un modernissimo pattinodromo unico nel Molise.

Il Palazzo Marchesale di Cercepiccola

La Chiesa Parrocchiale San Salvatore:
Questa chiesa edificata intorno al 1200 ha subito nel corso del tempo vicende edilizie di ogni genere. Ebbe un radicale restauro, tant’e che venne riconsacrata il 6 maggio 1742 dal vescovo Manfredi.
Danneggiata dal sisma del 1805, fu restaurata e una sopraelevazione dei muri fu eseguita nel 1847
...continua...
 


 
Eventi e Tradizioni :
Le tradizioni sono il consuntivo della nostra storia, un segno indelebile ed univoco della nostra cultura.  Partiamo dalla classica festa patronale, "San Donato", che ricorre il 7 Agosto, seguita dalla festa per il Sacro Cuore di Gesù, celebrata nell'ultima Domenica dello stesso mese. Elementi caratteristici delle due celebrazioni di stampo religioso, sono le processioni che si dipanano per le vie del paese ed il corollario di fuochi pirotecnici e musica che accompagnano le serate.continua...  http://web.tiscalinet.it/cercepiccola/tradizioni.htm

 
 
 
 
 
OTTOBRE
Ecco l’Ottobre,
dalle montagne il mesto autunno fa capolino.
Addio sorriso delle campagne,
addio bel manto d’ogni giardino!
Io sono Ottobre,
buon vendemmiatore,
le mie cantine le ho riempite tutte:
una botte di vino buono,
una di vino grottesco,
e mò mi manca moglie bella e letto fresco.

 


 

 

 

 

 

 

 

 
 
Links su Cercepiccola

 

 
I Cognomi
BRUNO * CALANDRA * CALANDRO * CECERE * CIOCCIA * CIPULLO * CIRELLI 2 * COLAMAIO 4 * CROCE * D'ABATE * D'AMICO 4 * D'AQUILA * D'UVA * DE LELLIS * DE LUCA * DE SANCTIS * DEL ROSSO 3 * DI CHIRO * DI SANTO 7 * DI SCENZA * DI SISTO 2 * DI STASI 5 * DI TOMMASO * DI VIRGILIO 2 * DISCENZA 4 * FALCIONE * FELICE 2 * FONTANA 2 * FORTUNATO * GAGLIARDI CASSETTA * GRAZIANI 2 * GRAZIANO 3 * IACIOFANO 2 * IACOBELLI 4 * IRANO 6 * IZZO * LA VIGNA 8 * LARAIA 3 * LAVIGNA MASTROPIETRO 2 * LOMBARDI 6 * MANCINI * MARINO * MASCIA * MASELLI * MASTROGIACOMO * MASTROPIETRO 14 * MIELE 3 * MOSCA * NARDACCHIONE 6 * NARDOIA 2 * NAVARINO 3 * PARENTE 2 * PETTA 84 * PEZZENTE * PIETRAROIA 6 * PISANI 3 * PUNTILLO 2 * RACCHI 4 * RICCIUTO * ROSA * RUCCI * SALVATORE * SALZMANN 2 * SARPI * SCARANO * SCARPELLINI * SCORDARI * SCOSCINI * SIMIELE 31 * SPENSIERI 5 * SPINA 3 * STABILE * TATA 4 * TERRIGNI * TESTA 5 * VALENTE * VALLETTA * VASILE * ZAPPONE 8 * ZEPPETELLA * ZUCCOLILLO 2 * ZURLO 2
 

 

Ricetta di Cercepiccola
 
Per questo squisito sformato dobbiamo ringraziare una cara "nonna Antonia" da Cercepiccola (Campobasso)
che ha generosamente insegnato ai discendenti questa preziosa ricetta che vi riproponiamo con piacere.
 
Per quattro persone:

1 filetto di baccalà di 7 etti circa
2 peperoni piccoli sott'aceto
2 bustine di pinoli (tot. 80 gr)
50 gr. di uva passa
Circa 200 gr. di mollica di pane casereccio
Un cucchiaio di olio extravergine di oliva
un rametto di alloro .

 

 

Preparazione

Per una buona riuscita del piatto, se si compra il baccalà salato ed essiccato, bisogna tenerlo a

mollo per 3 / 4 giorni cambiando continuamente

l'acqua che deve rimanere sempre piuttosto

limpida. Lo scopo dell'operazione è di eliminare

il sale e di ammorbidire il pesce preparandolo alla cottura. Giunto il momento di preparare la pietanza, scolare il baccalà e privarlo della pelle

tirandola con le mani e delle spine sfilandole dai pezzi grossi che interi serviranno per le porzioni.

Preparare a parte un composto con la mollica di pane casereccio grossolanamente sbriciolata, un cucchiaio di olio, i peperoni sott'aceto fatti a pezzettini, i pinoli interi, una foglia di alloro 

e l'uva passa preventivamente ammollata 10

minuti in poca acqua.

Coprire il fondo di una teglia da forno prima

con un filodi olio e successivamente con

un tappeto di foglie di alloro disposte una

accanto all'altra senza sovrapporsi. Fare poi

uno strato di baccalà ed aggiungere un filo d'olio.

Coprire con il composto al quale avrete sottratto

la foglia di alloro e di nuovo stendere un filo di olio questa volta un po' più abbondante.

Infornare a forno caldo 180° e cuocere per circa

¾ d'ora avendo cura di coprire la teglia con foglio di alluminio gli ultimi 15 minuti ad evitare di rosolare la mollica di pane e per tenere ben

morbido il pesce. 

 


 
 
 

Attualità

Cercepiccola - Molise - Italia - Attualità
 Cercepiccola ricorda il fondatore delle Oblate Mater Orphanorum.
Giornaledizona.com - Comune di Cercepiccola (Campobasso), giornale ...
Comune di Cercepiccola (Campobasso), giornale online notizie Cercepiccola provincia di
DAL BELGIO A CERCEPICCOLA. DONATO MASTROPIETRO RICORDA QUEL 1956 ...
Il ricordo struggente dei molisani e degli italiani all\'estero, cui quell\' emigrazione forzata ha rapito il cuore.