<> 
Find your special someone

 

 

COMUNE DI PESCOPENNATARO

 
Provincia IS
Altezza s.l.m. 1237
Superficie kmq 20
Abitanti 409
Code Istat: 014094033
 Préfixe téléphonique: 0865
 Code postal: 86080
Altitudine: 1190 s.l.m.
Santo Patrono S. Rocco 16 agosto
0865 941131 - 0865 941408 FAX 0865 941365

 

 

Le più antiche attestazioni risalgono al paleolitico inferiore con abbondanti strumentilitici rinvenuti il località Prato Martello. Si ritiene che il comune si stato fondato in età normanna, nell’XII secolo.Documenti del 1269

 attribuiscono il feudo di Pesco Pignataro a Raul de Vounternay, da cui passò alla famiglia di Sabrane e successivamente, nel tardo 300, ai Cantelmo. Nel 1465 si impossessarono della zona i Caldora e dopo di loro i Caracciolo Pignatelli di Celenza. I Monaco è l’ultima famiglia feudale. Nel 1807 la comunità fu inserita nel dipartimento del Sangro, poi passò nel distretto d’Isernia.

Nel 1811 risulta aggregata al circondario di Capracotta insieme a Sant’ Angelo del Pesco, con cui forma un comune unico; se ne distaccherà per diventare comune autonomo

il primo maggio 1816.

 Elementi storici

Pescopennataro è un comune di 386 abitanti della provincia di Isernia.

Parte del nome parrebbe derivare da pesculum (roccia affiorante dal terreno) e penna da una voce d'origine sannita che significherebbe "roccia a punta" in riferimento alla roccia che sovrasta il paese. Roccia a prima vista composta di arenaria, calcare compatto ed argilla, e, probabilmente, grafite ed ocre gialle e rosse che colorano la pietra. 

571 - Fondazione del paese da parte dei Longobardi. 961 - 1024 - In questo periodo il feudo segue le varie vicissitudini della politica gestita dagli ottoniani di casa Sassonia.

1028 - Dai registri angioini si evince che dal 1028 in poi il paese venne chiamato Pesclo Pignatario perdendo così il termine Castrum.

1773 - Il comune comprende 12 chiese o piccole cappelle insieme ad una congrega.

26 luglio 1805 - Il terremoto con epicentro nel Matese provoca molti danni nel paese con un numero imprecisato di morti e feriti a Pescopennataro e comuni limitrofi.

1° maggio 1816 - Pescopennataro diviene comune autonomo.

1864 - In questo anno viene costruita la chiesa principale (o chiesa madre).

1° gennaio 1883 - Viene inaugurala la strada che da Agnone porta a Castel di Sangro.

27 novembre 1894 - Avvelenamenti di acqua potabile porta dei casi di tifo nonché di morti da tifo.

24 maggio 1915 - Partono molti abitanti di Pescopennataro per il fronte di cui la maggioranza non ritornerà mai a casa.

16 novembre 1943 - Pescopennataro venne distrutta da un incendio dai nazisti.

1950 - Venne restaurata la chiesa madre.

15 febbraio 1969 - Il quotidiano "Il Tempo" pubblica la notizia della creazione di un centro turistico. 5 settembre 1971 - Durante la partita U. S. Roccasicura - U. S. Pro Pesco (la U. S. Pro Pesco è la squadra locale di calcio di Pescopennataro) giocata in campo neutro a Vastogirardi, dopo un calcio di rigore dato nel 12° del 2° tempo all'U. S. Roccasicura vennero degli incidenti causando la vittoria a tavolino per 2-0 all'U. S. Roccasicura

4 gennaio 1972 - Apertura gare sciistiche. Oltre 100 parteciperanno.

 

 

 

Interesse turistico:

Pescopennataro è definito il paese degli abeti, e della pietra, dato che si trova arroccato su di un monte pietroso, e circondato da abeti.Nell'arco dei secoli passati, il nome di Pescopennataro, cambiò molto spesso, ma mantenne sempre la prima parte del nome: Pesco, da questo nome deriva anche il nome di S. Angelo del Pesco, un'antica borgata di Pescopennataro fino all1861, quando divenne un paese autonomo.Tra i monumenti più belli da visitare, è sicuramente la porta arcata medievale, posta difronte alla chiesa di San Bartolomeo Apostolo, edificate nel 1654 e ricostruita dopo gli anni di guerra nei quali fu distrutta.Un altro luogo importante da visitare è la piazza del popolo, troneggiata dalla stupenda fontana del popolo, dedicata al popolo di Pescopennataro.Dato il gran numero di pietre presenti sul territorio, nel 1997 fu costruito un museo dedicato alle pietre. 

Links su Pescopennataro
 
 
 
COMUNE di PESCOPENNATARO 
FESTE e TRADIZIONI

Feste Patronali in onore di SAN LUCA EVANGELISTA: 10-11-12 SETTEMBRE

Il giorno 10 settembre è usanza consumare il pranzo, a base di carne di agnello arrostita sulla brace, in località "San Luca", nel Bosco "Abeti Soprani" .Nel primo pomeriggio, in processione, il QUADRO di SAN LUCA viene prelevato dalla Cappella nel Bosco e portato a piedi alle porte del Paese, in località "Preziosi".Viene lasciato lì fino all' imbrunire.Sull'imbrunire, con una fiaccolata, dopo l' accensione di fuochi pirotecnici , il QUADRO viene portato nella Chiesa Madre di San Bartolomeo Apostolo, accolto con la celebrazione della Santa Messa. Qui vi rimane fino al 18 ottobre.
 
 
 
 
Il paese dell'abete:
A Pescopennataro sono presenti molti abeti bianchi, infatti il paese viene comunemente chiamato "il paese dell'Abete Bianco". E' più raro trovare qualche pianta di Pioppo nero a forma piramidale (chiamata volgarmente Pioppo cipressino). Non è una una pianta comunque di alto valore monumentale ma è bella a vedersi in particolare quando il vento muove le sue foglie. Il pioppo cipressino è stato importato e utilizzato come pianta ornamentale e anche per costituire molti filari alberati lungo le strade. I suoi rami sono numerosi, piccoli e si possono trovare già alla base del fusto che ha una corteccia molto rugosa e screpolata. Esso raggiunge considerevoli altezze come questo che emerge isolato su un ampio prato. La sua unicità è dovuta alla zona che è particolarmente umida e che ha permesso facilmente alla pianta di crescere liberamente nell'areale dove predomina il faggio e l'abete bianco. Abbiamo provato a stimare la sua età che sicuramente è intorno ai 100 anni (forse abbiamo esagerato?!) anche se il pioppo ha un rapido accrescimento; l'altezza però è considerevole.
 
 
Cognomi a Pescopennataro:
AMENDOLA * ANTENUCCI D'ABRUZZO 6 * ARDUINO * BARDELLI * BELLISARIO 4 * BENEDUCE 2 * BOMTEMPO * BONFIGLIO * BONTEMPO 5 * BUCCIGROSSI 2 * CARFAGNA 4 * CENCI 3 * CIAMPAGLIA * CONTESTABILE * D'AMBROSIO 4 * D'ORAZIO * DE LOLLIS * DE LUCIA * DE PLATO * DE SIMONE 2 * DE VINCENZO 2 * DEL CORSO 9 * DEL PAPA * DI CRISTINO 2 * DI GIULIO * DI MAIO * DI MUCCIO * DI PIETRO * DI RIENZO 4 * DI STEFANO 3 * DI TULLIO 2 * FAGNANI 4 * FALCIONE 3 * FORGIONE * FREZZA * GRANDE * IACOVETTA * LALLI 3 * LAPENNA * LITTERIO 24 * MADOCCI * MARCHETTI 6 * MARCOVECCHIO * MARGIOTTA 8 * MONACO 8 * MONTENERI * PANNUNZIO 2 * PASQUARELLI CARFAGNA 3 * RASTELLI * RICCI * ROSATO 2 * SALVIANI * SALZANO * SANTANGELO * SANTILLI 2 * SCIULLI 10 * SERAFINI * TEMPESTA 4 * TERRERI 11 * VISCO * VITAGLIANO *