Discovery Channel Store Father's Day 2007

 

COMUNICAZIONE MOLISANI 

 

Da leggere questa settimana in questa pagina :

 

Rivisitiamo il Passato

Donato del Galdo :  La data del 14 dicembre 1931

 

Il Molise e i Molisani

Pietro Tonti : Il Presente e il Futuro del Molise

Franco Nicola : Una ricetta del Molise (di mamma Angelina)

Franco Nicola : Cultura e  Società, notizie

Michael Santhers : Il poeta e la sua poesia; video

 

     I Nostri Fratelli Abruzzesi

     Dal web : Ignazio Silone, scrittore

Dal web : Artigianato; ceramica

Franco Nicola : Oggi l'Abruzzo, notizie

 

L'Angolo dell' Emigrato

Michael Santhers : 900 Ellis Island, poesia

Dal web : Le cause del movimento migratorio

Franco Nicola : I nostri nel mondo

  

        

          

 

 

 

 

I contadini del Molise a cavallo tra gli anni '800....'900

Dal libro ''VITA DI CONTADINI'' di Donato del Galdo, Maggio 1981, Edizioni Enne, Campobasso.

 

La data del 14 dicembre 1931: rivolta di contadini.

 

 

Il tentativo di togliere il diritto ai contadini dell'uso civico sui terreni della Fantina fu ripetuto con il Podestà Fascista, agririo del luogo.  Il 14 dicembre 1931 fu laq sparatoria dei carabinieri contro i contadini che avevano fatto valere il loro diritto di uso civico sui terreni della Fantina, andando a tagliare le tamarici contro il proclamato divieto del Podestà, sotto la maschera di una misura protettiva per voler fare una riserva per la difesa e il consolidamento delle tamarici.All'Aianella, sotto i colpi di moschetto sparati da uno dei carabinieri, mori' Lafratta Giuliano, cittadino di San Giuliano, contadino.  Anche lui aveva creduto nell'opera del Fascismo, incosciamente, era iscritto alla Milizia Fascista, ora era stato la vittima di un sopruso del Podestà Fascista.  Altre due persone furono ferite gravemente e trasportate d'urgenza a l'ospedale di Larino in gravi condizioni.

  

Le Autortità Comunali, unitamente al Podestà, fuggirono dalla Casa Comunale avvertiti in tempo utile da un loro uomo di fiducia, sospettando la giusta reazione della popolazione dopo la sparatoria premeditata del Carabiniere, andando a nascondersi in segreto nella stalla del parroco.  La popolazione che si era unita ai contadini, non trovando l'Autorità al Municipio, dette sfogo alla sua disperazione per l'avvenuta morte di uno di loro e di due gravi feriti; buttando tutte le suppelletili e il carteggio degli Uffici Comunali, sulla piazza adiacente il Municipio e appiccandovi il fuoco.  Nella loro esacerbazione per tutti imali sofferti per causa dell'altra classe, i contadini dettero in escandescenza sfogandosi contro i libri delle tasse, i registri, contro le penne, il calamaio d'inchiostro del segretario Comunale e la poltrona dove sedeva il Podestà.

 

I carabinieri dopo la sparatoria erano rientrati alla Caserma a Colletorto, con un carico di accette legate su un basto di un cavallo..... I carabinieri non ebbero più il coraggio di ripresentarsi a San Giouliano per impedire che fosse appiccato il fuoco alle suppellettili, scaraventate con furia in piazza Municipio, dalle finestre della stesa casa Comunale.   Quei giorni furono di dolore per i contadini.  La reazione invei' contro di loro.  Ai carabinieri, i contadini, giunti assieme all'Aianella, vicino al paese richiedevano la ristituzione delle accette sequestrate.  Si era al mese di dicembre, le accette occorrevano per fare la legna per l'inverno.  Occorrevano come attrezzo di lavoro.  ''Voi avete i nostri nomi, noi non negheremo di essere stati a tagliare le tamarici alla Fantima, che é un nostro diritto farlo.  Lasciateci andare per la nostra strada di casa.  Ridateci i nostri attrezzi da lavoro''.  I carabinieri pensavano al sequestro delle accette come prova dell'avvenuta contestazione per il taglio delle ceppe  fatto dai contadini nella Fantina, terreno soggetto a l'uso civico.

 

Il Podestà aveva dato ordini dittatoriali ai carabinieri con il proposito di impedire il dirito ai contadini con la forza e col suo potere assoluto.  I carabinieri spararono e uccisero, solo perché i contadini insistevano di riavere le accette e forse qualcuno di loro si era azzardato ad allungare la mano per riaverla.  Erano legate sul basto di un cavallo.  Uccisero e andarono via con il carico delle accette, indisturbati, senza che fossero stati rincorsi da qualche lancio di sassata ritenuta possibile dopo che essi furono la causa della morte di un contadino. 

 

I giudici condannarono i contadini  per l'incendio appiccato alle suppelletili del Municipio, senza tener conto delle attenuanti, delle cause che fecero perdere la ragione ai contadini.  I contadini scontarono divewrsi anni di galera.  Dovettero abbandonare le loro famigliee il loro lavoro.  Mentre il carabiniere responsabile della morte di un onoesto contadino, ed il Podestà promotore di un sopruso di autorità ai danni di un diritto dei contadini, l'uso civico sui terreni della Fantina.  ... Il Podestà e i carabinieri furono agevolati e a loro carico non ci fu nessun processo per l'avvenuta morte di un cittadino e di due altri feriti gravi.   Eravamo in pieno regime fascista.  La magistratura aveva preso la piega impostagli dal regime. Di Donato del Galdo in  Vita di contadini.    

      



 

 

 

 

Il presente e il futuro del Molise

 di Pietro Tonti in Futuro Molise, giornale on line. 

 

Nel luglio dello scorso (2008) anno è stata istituita la “Commissione temporanea per lo studio delle problematiche del disagio" che si occupa delle attività di studio, ricerca ed elaborazione di proposte ai fini del monitoraggio delle condizioni connesse al disagio familiare della nostra Regione. Per conoscerle meglio, è stata fatta un'analisi statistica su tutto il territorio molisano, in cui è emerso che ben il 10% dei nuclei familiari presenta situazioni di disagio economico, e che  è fin troppo evidente il basso tasso di natalità, con tutte le conseguenze negative che ne potranno derivare. 

La Commissione temporanea per lo studio delle "Problematiche del disagio" è stata istituita con deliberazione del Consiglio regionale n. 187 del 21 luglio 2009 per svolgere attività di studio, ricerca ed elaborazione proposte ai fini del monitoraggio delle problematiche connesse al disagio familiare.
La Commissione nella seduta del 28 gennaio 2010 ha deciso di espletare una indagine conoscitiva su tutto il territorio molisano per acquisire dati omogenei e completi sulle situazioni delle famiglie al fine di poter, successivamente, sviluppare proposte organiche di intervento, tenendo conto anche del rapporto annuale del CIS che ha messo in evidenza una situazione di chiara difficoltà delle famiglie italiane.
Dall'analisi dei dati, se pur parziali, emerge una sostanziale situazione di difficoltà , in diversi casi ascrivibili proprio all'area del disagio delle famiglie molisane, a conferma anche del dato sviluppato a livello nazionale.

Su di una popolazione di 320.795, secondo i dati ISTAT riferiti all'anno 2009, il 22% è rappresentato da soggetti di età superiore ai 65 anni (70.130) ed il 12% da soggetti di età superiore ai 75 anni (37.202).
Sul territorio regionale risultano circa 125.000 famiglie regolarmente costituite, nel 65% dei casi vi sono ambedue i coniugi. Solo per il 7,15% lavorano marito e moglie.
La percentuale dei nuclei familiari con figli è con una piccola percentuale in più ( 50,7%) per quelli con figli.
Dei nuclei con figli il 23,0% ha figli fino a 5 anni, segno di un evidente stato di denatalità, mentre il 55% hanno figli superiori ai 18 anni a conferma dì una palese difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro. Per il 22,0% ci sono figli in età scolare.

Ben il 10% dei nuclei familiari presenta situazioni di disagio economico.

Per venire incontro a tali situazioni nel piano sociale regionale sono state previste un insieme di misure atte a realizzare un sistema integrato dei servizi nella logica del principio di sussidiarietà verticale e orizzontale, attraverso il coinvolgimento di tutti gli attori pubblici, del privato sociale e dei privati presenti sul territorio.
L'analisi dei dati nazionali e regionali fa emergere chiaramente la necessità di prevedere l'adozione di provvedimenti per il recupero della natalità, essenziale per conservare i livelli di benessere . Una politica della natalità deve andare di pari passo al sempre maggiore e più qualificato inserimento della donna nel mondo del lavoro o con il giusto e non più rinunciabile riconoscimento economico del lavoro " domestico".

I provvedimenti da adottare quindi non sono più sulle criticità, per le quali ad onor del vero la regione Molise ha dato risposte molto esaurienti, ma sulle condizioni normali, quotidiane.
La legislazione nazionale, non avendo costruito percorsi a tutela delle nascite, la mancanza del ricambio generazionale sta diventando il primo e vero problema del paese.

Tra i vari interventi auspicabili vi è il tema della riforma del fisco, anche se esula dalle competenze regionali, che potrebbe costituire un valido incentivo per le famiglie a tutela della natalità per giungere ad inserire la voce famiglia in ogni progetto di riforma tributaria.

L'Assessorato regionale alle Politiche Sociali in questa fase, dando risposte certe alle famiglie, ha adottato provvedimenti di aiuto alle famiglie emanando, agli ambiti territoriali, una specifica direttiva in materia di sostegno economico alle famiglie in difficoltà, anche nei casi in cui i componenti siano in possesso del permesso di soggiorno o di carta di soggiorno.
I sostegni prioritari previsti sono quelli per far fronte a difficoltà derivanti dal sostenimento di spese mediche, pagamento fitto e alloggio, pagamento di bollette   per   servizi   (luce,   gas),   spese   scolastiche   e   per   la   formazione professionale, spese per l'acquisto di ausili per migliorare le condizioni di vita dei figli disabili e dei familiari disabili conviventi, spese sostenute per il decesso
di uno dei componenti la famiglia, sostegno in caso di mancata o tardiva corresponsione degli  alimenti familiari  da parte  del  coniuge.  Inoltre  per rispondere alle esigenze delle famiglie interessate all'affido e all'adozione sono stati potenziati i servizi socio educativi rivolti alla prima infanzia.

Per favorire l'accesso alla prima abitazione delle coppie di nuova costituzione, sono   stati predisposti bandi pubblici che hanno consentito l'erogazione ai finanziamenti regionali per oltre 350 coppie molisane.
Sono state finanziate alcune iniziative per la realizzazione da parte dei Consultori familiari, di specifici servizi per i giovani.
E' stato inoltre istituito l'albo degli enti di servizio civile e sono stati definiti i progetti relativi    che consentirà, a brevissimo, l'inserimento di 216 giovani volontari nel servizio civile
Sono state adottate quindi   strategie tese a ridurre le categorie del disagio con una logica integrata di sostegno e di misure di reinserimento, dando priorità agli interventi per le  nuove generazioni.  In questo  la  Commissione concorda
pienamente con quanto messo tra le priorità dall'Assessore alle politiche sociali.
Per porre in essere interventi coordinati e finalizzati è indispensabile che anche le proposte di legge all'esame delle Commissioni permanenti di competenza o le leggi già promulgate abbiano percorsi privilegiati e finanziamenti certi.
Le proposte di legge n. 40 e 103 sulla famiglia andrebbero esaminate e coordinate anche con la pdl n. 20 concernente servizi educativi per la prima infanzia per avere in tempi brevi istituti giuridici che sicuramente andrebbero a dare sostegno diretto alle famiglie e a favorire la costituzione di nuovi nuclei familiari.
La legge regionale n. 9 del 3 marzo 2009 - incentivi a favore dei piccoli comuni molisani atti a contrastarne lo spopolamento ed a favorirne la ripopolazione - è un provvedimento importante che però ha avuto uno stanziamento di bilancio solo nel corrente anno 2010, molto modesto se non insignificante. I contributi previsti per iniziative nel campo dei servizi alla persona e le agevolazioni per favorire l'insediamento e il mantenimento della residenza oltre al contributo una tantum per ogni nuova nascita sono sicuramente positivi, ma troveranno parziale applicazione per la scarsità delle risorse poste in bilancio.

A parere della Commissione, alla luce dei dati raccolti e sulla scorta della relazione dell'Assessorato alle Politiche Sociali, emerge la necessità di adottare un T.U. di interventi per le politiche familiari, al fine di consentire una conoscenza di tutti i provvedimenti e di dare la possibilità alle famiglie di avere un documento che possa indirizzarle ad ottenere i benefici, sulla base dei requisiti posseduti.

E' evidente che in questa ottica deve essere agevolata in via prioritaria la formazione di nuove famiglie sostenendo e promuovendo iniziative per conciliare il lavoro familiare con quello lavorativo remunerato. Nella proposta di T.U. che la Commissione sollecita dovrebbero trovare codificazione gli interventi a sostegno del lavoro domestico, per il quale dovrebbe essere riconosciuta una indennità annua, indennizzi per infortuni domestici, copertura assicurative ai fini pensionistici.
Al fine di consentire una verifica costante dell'evolversi delle condizioni di vita e delle problematiche familiari andrebbe istituito un osservatorio regionale permanente con la previsione della conferenza regionale sulla famiglia a cadenza annuale
.  di Pietro Tonti in Futuro Molise, giornale on line.

 

Insalata di melanzane

(4 porzioni)

 

Ingredienti

 

Quattro melanzane

4 gusci d’aglio, 1 ciuffo di basilico

2 o 3 cucchiai d’aceto di miele

½ bicchiere d'olio d’oliva, sale q. b.

 

Preparazione

 

Tagliate le melanzane a fette nel senso verticale, di uno spessore di pochi millimetri.   Mettete un pó di sale sulle melanzane tagliate, copritele di carta assorbente e lasciatele, durante 30, 40 minuti, sotto un oggetto pesante per farne uscire l’amaro.  Dopo quaranta minuti, fatele cuocere sulla griglia del forno durante pochi minuti.  Quando vedete che hanno un bel colore dorato, ritiratele e mettetele in una insalatiera.  Ció fatto, prendete il basilico, l’aglio, l’olio e l’aceto di miele e pestateli in un mortaio.  Finalmente, coprite le melanzane con la salsa preparata e mettete le melanzane nel frigorifero o in un posto fresco, durante una decina di ore.  Tirate il piatto fuori dal frigorifico soltanto pochi minuti prima di servire.

 DAL LIBRO DI ''RICETTE DEL MOLISE'' ,SCRITTO DA FRANCO NICOLA

E CHE POTETE RICHIEDERE AL 514- 750 8993 E business@#amicomol.com

 

 

SOCIETÀ

Regionali: Molise; e' ufficiale, Iorio e' presidente 11 NOV - Michele Iorio (centrodestra) e' stato proclamato ufficialmente presidente della Regione Molise a 25 giorni dalle elezioni. L'annuncio dei magistrati della Corte d'Appello e' arrivato pochi minuti fa dopo le operazioni di ...

Regionali Molise 2011/Iorio presidente, la "patata bollente ...La decisione alla fine è stata quella forse naturale per le complicate e troppo spesso difficili da spiegare questioni di diritto. La Corte d'Appello ha scelto di lasciare campo libero alla Giustizia Amministrativa e di non intervenire prima della ...

Il Comitato del paesaggio a Roma: “No all'eolico selvaggio”... Nicola Frenza della Rete delle associazioni molisane contro l'eolico selvaggio e dell'Osservatorio legalità, Mario Iannantuono, presidente della sezione Italia Nostra di Campobasso, Emilio Izzo, segreterio regionale Uil Bac Molise. ...

Tirocinii formativi. Firmata convenzio fra Confcommercio Molise e Provincia di Campôbasso. Siglata, tra la Confcommercio Molise e la Provincia di Campobasso, una convenzione quadro riguardante i tirocini formativi validi per l’inserimento e il reinserimento di neolaureati, neodiplomati, disoccupati e inoccupati.

Il cimitero di Riccia si veste di nuovo. L’amministrazione comunale ha infatti provveduto alla chiusura dei lavori che hanno riguardato il rifacimento della facciata e della copertura del muro di cinta dell’ingresso principale del cimitero del paese. L’obiettivo raggiunto è stato quello di una riqualificazione materiale ed estetica della facciata principale, in occasione della festa dei Santi di martedì 1 novembre e della commemorazione dei defunti di mercoledì 2 novembre

Click sulla tradizione a Capracotta. Ecco i premiati. Resi noti i vincitori del concorso fotografico promosso a Capracotta nell’ambito dei festeggiamenti in onore della Madonna di Loreto che si svolgono ogni tre anni richiamando tantissime persone da diverse parti del mondo.  Al concorso dal titolo “Capracotta …… e la Madonna di Loreto”,  promosso dall’Amministrazione comunale  e dalla locale Pro Loco, hanno partecipato ventidue concorrenti.

Le organizzazioni ecologiste molisane manifestano a Roma.

C’è una gravissima emergenza nazionale correlata alle devastazioni sempre più visibili del paesaggio da parte di quella che va sotto il fuorviante nome di ‘green economy’. Eolico e fotovoltaico, in particolare, aggrediscono sempre più porzioni di territorio verde, anche sottraendo terreni destinati alle produzioni agricole. Sempre più comunità locali, in ogni regione d’Italia, si organizzano in comitati spontanei per contrastare il dilagante e aggressivo fenomeno”.

Il Molise presente al salone internazionale dell'agreoturismo di Arezzo.

Il Molise protagonista a tutto tondo della decima edizione di AgrieTour- Salone nazionale dell’Agriturismo- tenutosi ad Arezzo dall’11 al 13 novembre scorsi. La manifestazione, che si è imposta come l’unico evento di rilevanza nazionale per l’incontro con il mercato professionale e per valorizzare il settore e la cultura dell’ospitalità rurale ha attirato in Toscana una folla di visitatori che hanno curiosato alla ricerca di novità.

BOIANO. Domenca, 20 novembre, si terrà al Palazzo Colagrosso di Boiano il  convegno “Italia 150 anni di Italiani nel Mondo”. L’evento, inserito nel programma ufficiale delle celebrazioni nazionali per i 150 anni dell'Unità, è stato organizzato dalla Fidapa, Federazione Italiana Donne Arti Professioni Affari. Vi contribuiranno relatori illustri: Rita Colaci, Francesco Nicotra Vice Presidente NIAF Italia , Daniele Marconcini, Presidente Mantovani nel Mondo, Pino Parise Presidente Calabria Mondo Washington, Gabriele Venditti, Direttore Biblioteca “Michele Romano” Isernia, che relazionerà su “1860 l’autunno caldo del Molise”per introdurre i fatti che anticiparono l’unificazione della nazione e Stefania Schipani dell’Istat di Roma che porterà il punto di vista dell’economista per il tema: Unità d’Italia ed Emigrazione.


 

CULTURA

Unità d'Italia / Molise senza "percorsi della memoria"Un anniversario così importante nella storia del Paese, come il 150° dell'Unità, avrebbe meritato - qui in Molise - ben altre attenzione e riflessioni dal momento che il problema delle nostre origini non potrebbe essere sciolto se non nell'ambito di ...

Storia e futuro. Incontro con i giovani.Prende il via presso l’Istituto Professionale di Stato “Montini” di Campobasso la nuova ricerca didattica svolta dalle classi quinte per il recupero della memoria. Gli studenti, lavoreranno sul  tema: “Bilancio delle  celebrazioni per il 150esimo dell’Unità d’Italia, ricordando  il periodo 7 settembre – 6 novembre del 1860 di Garibaldi a Napoli...

Alla scoperta di Larinum.Il foro, le terme, l’anfiteatro. Un capitolo che si apre e che si chiude, grazie ai reperti che via via vengono fuori dalla terra. Il rito si ripete ogni anno. Gli scavi archeologici vanno avanti, dando voce al passato. Con l’energia e la voglia di chi crede davvero nella cultura e si impegna come meglio può per darle nuovo anelito. Siamo a Larino, in zona Piano San Leonardo. Qui si concentra la parte più significativa dell’abitato romano. Da Torre Sant’Anna all’anfiteatro, fino ad arrivare a Torre De Gennaro. In quest’area già nel V-IV secolo a.C. si distingueva un impianto urbano solido ed evoluto. Prima della trasformazione in municipium avvenuta nel I secolo a.C. Ed è proprio in questo punto che la storia si arricchisce di nuove pagine.

La 43° Stagione Concertistica dell’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis prosegue, dopo il grande successo della settimana scorsa che ha visto protagonista il pianista russo Daniil Trifonov, con un nuovo appuntamento d’eccezione: ospite del palcoscenico del Teatro Savoia di Campobasso, sabato 12 novembre alle 18.30 sarà l’ATOS Trio, una delle formazioni tedesche più apprezzate dalle grandi stagioni concertistiche di tutto il mondo.

Da Armani a Cavalli: il fotografo molisano che firma l’altamodaLo conosce bene il mondo della moda Oskar Cecere. Partito da Bonefro poco più che 18enne, si è ritrovato a fare il fotografo a Milano per stilisti di fama internazionale. Trentatré anni, dopo il liceo artistico frequentato a Termoli e una scuola privata di fotografia a Roma, Oskar, che da piccolo sognava di fare il regista, si è ritrovato a vivere nella caotica capitale della moda. Il capoluogo lombardo, oggi per lui fonte di primaria ispirazione, gli ha così consentito di coltivare una passione che, come lui stesso insegna, «non si sceglie, ma arriva da sola»....

Spazio, nasce il Consorzio “Geosat”Il progetto avrà una dotazione finanziaria di 20 milioni di euro e consentirà a 60 giovani professionisti, specializzati nel campo della tecnologia geospaziale, di trovare lavoro stabile e qualificato nel Molise.

24 NOV – 4 DIC 2011 AUTUMN CONTAMINATION.Arti Contemporanee Arte, musica, moda, danza, teatro, cinema: stavolta, però, tutti insieme. Tra una settimana, il 24 novembre, parte Autumn Contamination, il primo festival campobassano delle arti contemporanee. Un grande progetto che sarà ospitato negli spazi della Palladino Company con piccola parentesi nelle sale dell’ex Onmi, sempre a Campobasso.  Oltre trenta gli artisti e le associazioni impegnati, molti di statura internazionale e alcuni provenienti dalla realtà molisana. In programma diverse esposizioni, performance, rassegne di videoarte, dibattiti e incontri, workshop, presentazione di idee e proposte nell’ambito di un unico contenitore multiforme come le facce dell’arte.

L'Europa dei giovani a Isernia.Si è concluso il primo incontro tra studenti italiani e austriaci nell’ambito del progetto europeo “Wizard of nature”. Ventuno studenti austriaci, alunni dell’istituto “Bundeshandelsakademie” di Wiener Neustadt, una piccola città nei pressi di Vienna, sono stati ospiti del Liceo delle Scienze Umane (ex Magistrale) “V. Cuoco” di Isernia. 

Madonna e Santi "nostrani":opere di Michele Greco in Molise

Le opere di Michele Greco da Valona tornano a casa. Non in Albania, dove il pittore cinquecentesco venne al mondo. Ma sulla sponda occidentale dell’Adriatico, dove si trasferì ancora giovane, operando proprio fra il Molise e l’Abruzzo e realizzando alcuni dei suoi quadri sacri più apprezzati. Un trittico con la sua inconfondibile firma, più una tela che gli viene convenzionalmente attribuita, oltre a una statua di San Pardo.Le opere di Michele Greco da Valona tornano a casa. Non in Albania, dove il pittore cinquecentesco venne al mondo. Ma sulla sponda occidentale dell’Adriatico, dove si trasferì ancora giovane, operando proprio fra il Molise e l’Abruzzo e realizzando alcuni dei suoi quadri sacri più apprezzati. Un trittico con la sua inconfondibile firma, più una tela che gli viene convenzionalmente attribuita, oltre a una statua di San Pardo.....

CONTEST ON THE STAGE è il concorso per band emergenti ideato da FATTORE K eventi e comunicazione per il ROYAL GREEN Social Music Club di Larino (CB) che patrocina e ospita la manifestazione. La realizzazione è resa possibile grazie ad una rete di collaborazioni fra diversi soggetti che lavorano nel e per il settore musicale/culturale/promo..

Presentazione del Calendario dei Misteri (2012)

Sarà presentato sabato 03 dicembre 2011 nella sala "Gino Aurisano" al Museo dei Misteri di Campobasso la quindicesima edizione del Calendario dei Misteri 2012. Nell'occasione sarà proiettato anche un video dell'ultima Processione.

Mostra ''Le Arti e l'Aria'', Termoli

A conclusione del ciclo delle attività culturali legate ai quattro elementi (fuoco-terra-acqua-aria), “Cantieri Creativi” presenta la Mostra legata al tema dell’aria, corrispondente nel calendario dei Cantieri Creativi al periodo autunnale.  Significative le tradizioni molisane legate all’aria, sicuramente la più suggestiva è la Sagra dei Misteri a Campobasso. Si tratta di una tradizione unica nel suo genere, catalogata tra le feste o tradizioni “volatili” dal momento che le figure, grazie agli ingegni progettati dal Di Zinno, volteggiano in aria sembrando prive di forza di gravità. L’originalità di tale manifestazione ha favorito la sua candidatura a Patrimonio dell’Umanità presso l’UNESCO. Ma non si tratta dell’unica festa volatile del Molise, anche se più recenti, si evidenziano il Volo dell’Angelo a Vastogirardi e il Volo della Fata a Bagnoli del Trigno.........

 

Michael Santhers, Molisano: il poeta e la sua poesia

 


One-stop store for beauty and skin care products

 

 

Ignazio Silone (1900), scrittore

 

 

Pescina (AQ) - Pseudonimo di Ignazio Tranquilli, nasce nel 1900 a Pescina (AQ), fu scrittore e saggista. Rimasto giovanissimo senza famiglia (il padre, la madre e cinque fratelli morirono nel terremoto che colpì la Marsica nel 1915), aderisce al partito socialista; a Roma entra a far parte della Gioventù Socialista e nel 1921 è al Congresso di Livorno cui segue la fondazione del Partito Comunista. Nell’ambito di questo partito ricopre ruoli di rilievo fino ad uscirne nel 1930 per via dell’opposizione alla politica sovietica di Stalin. Il romanzo più famoso di Silone, Fontamara, del 1933, è anche uno dei casi letterari del nostro secolo amato, rappresentato e molto letto in tutto il mondo (conta, infatti, numerosissime traduzioni), rimane quasi completamente ignorato per oltre vent’anni in Italia. Narra la lotta dei contadini del Fucino, definiti nel libro cafoni, contro gli abusi del regime, lasciando trasparire sullo sfondo il tema dell’annoso contrasto fra cafoni e borghesia. Le altre opere sono Vino e pane (1937), Il Seme sotto la neve (1941), Il Segreto di Luca (1956), L’Avventura di un povero cristiano (1968). Spesso messo in discussione per la sua attività politica, Silone muore a Roma nel 1977 Dal sito web Caro Abruzzo.

 

Artigianato: Ceramica

Castelli (TE) - Quando si dice ceramica in Abruzzo, viene subito alla mente Castelli, grazioso paese alle pendici del Gran Sasso, in provincia di Teramo. Da molti secoli questo centro è un importante punto di riferimento a livello mondiale per l’arte della ceramica. Pensate che i ceramisti di Castelli erano famosi già dal Quattrocento e venivano ingaggiati da ricche e nobili famiglie italiane per realizzare opere negli edifici di loro proprietà.Le tipiche mattonelle abruzzesi sono a sfondo bianco con decorazioni a tinte vivaci. I colori utilizzati sono soprattutto il giallo, l’arancione, l’azzurro ed il verde. In passato, si rappresentavano scene di vita quotidiana, di caccia, e animali; negli ultimi decenni, naturalmente, le scene si sono notevolmente ampliate. Grande maestro fu Francesco Grue (1600) che, anche con l’ausilio di altri membri della sua famiglia, ha realizzato numerose opere, alcune delle quali fanno bella mostra di sé a Castelli nella chiesa di San Donato dove il soffitto è interamente costituito da maioliche. Sempre nel paese teramano c’è un interessante museo ed un istituto d’arte. La tradizione ceramista è presente, sebbene in maniera più contenuta, in altri paesi come a Rapino (Ch). Da segnalare, infine, una bella raccolta di maioliche presso il museo Acerbo a Loreto Aprutino (Pe). Dal sito web Caro Abruzzo.

 

 

 

Unità d'Italia / Molise senza "percorsi della memoria"Un anniversario così importante nella storia del Paese, come il 150° dell'Unità, avrebbe meritato - qui in Molise - ben altre attenzione e riflessioni dal momento che il problema delle nostre origini non potrebbe essere sciolto se non nell'ambito di ...

ABRUZZO/LAVORO: GATTI, 12 MLN PER NUOVE IMPRESE ANCHE AL FEMMINILE(ASCA) - L'Aquila, 11 nov - Sono state pubblicate questa mattina dall'assessorato al Lavoro della Regione Abruzzo le graduatorie con l'elenco dei 153 soggetti aggiudicatari dei 12 milioni di euro del Fondo Sociale Europeo 2007/13 assegnati ai Progetti ... 

Bolzano il Premio Culturale Internazionale Abruzzo Trentino Alto ...Si è tenuta a Bolzano presso il Salone d'Onore del Circolo Militare dell'Esercito, la cerimonia di consegna del “Premio Culturale Internazionale Abruzzo Trentino Alto Adige” 18^ edizione 2011, organizzato dalla Libera Associazione degli Abruzzesi del ... 

I maestri sarti celebrano la tradizionale festa di sant'Omobono ...In Abruzzo, quando si parla di ago e filo, la memoria corre subito al grande maestro accademico Gaetano Tritapepe, una delle più brillanti firme della sartoria italiana, scomparso qualche tempo fa. Famoso in Italia e in tutto il mondo, Gaetano seguì le

A L'Aquila un workshop sul tema dell'immigrazione, organizzato dal ...Il progetto Migrantibus- promosso dall'Anolf di Teramo all'interno del Bando Emergenza Abruzzo - organizza il workshop "Sfide e opportunità per la ricostruzione sociale", che si terrà il prossimo 15 novembre a partire dalle ore 10.00, presso la Sala ...

Scanno, la perla d'AbruzzoScanno, in Abruzzo, fa parte de I borghi più belli d'Italia. Situato nel Parco Nazionale d'Abruzzo, Scanno è la meta per le vacanze in Abruzzo. Cosa visitare a ...

CULTURA: A PATRIZIA LICATA IL PREMIO 'SCRIVEREDONNA' 2011... scrittrice, poetessa e giornalista romana, e' la vincitrice del primo premio della sezione A del XIX concorso nazionale di poesia Scriveredonna indetto dalle Edizioni Tracce con il contributo dell'Assessorato alla Cultura della Regione Abruzzo, ...

Nuove politiche per attirare i turistiImportante sarà anche l'impegno verso l'intero territorio provinciale fatto di montagne, parchi, luoghi di arte e cultura, di turismo enogastronomico. Federalberghi Abruzzo sarà sempre disponibile ad intervenire per garantire il giusto supporto alla ...

 

 

 I  305  COMUNI ABRUZZESI :

104 per  Chieti, 108 per L`Aquila, 46 per Pescara e 47 per Teramo.

 

 

                                                                                                                 

 

                                                                       900 ELLIS ISLAND

 
 
La miseria li spingeva verso il mare
a volte mai visto
 
Con occhi meteorite d'orgasmi
facce topografiche
coppole a funghi secchi
giacche a vele cannonate
bauli, ossa a pelle di riserva
scarpe  bocche sdentate
che imitano sorrisi retroattivi
 
 
Da stati bradi in riserve
cavie di cognomi
inseguiti dalla fame
sognavano incubi  randagi
e cattività nutrienti raccontate
 

                                                                 

 

 

America approdo di Mosè
Paradiso di bestiame in esubero
marchiato nomi strafalcioni
Waterloo di vocali e consonanti
raccolti dinieghi in dubbi assonanze
ad Ellis Island
ove a volte podio
divenne inferno a retromarcia

 
SCARTATO, il timbro
dei morti condannati a vivere
nell’umanità
da rubare agli animali
 
Da:Destini E presagi
www.santhers.com
 

 

 

Le cause del movimento migratorio italiano

Dal sito web : Cent'Anni di Emigrazione Italiana.

Milioni di uomini costretti dalla fame   o spinti dalla volontà di migliorare le loro condizioni, abbandonarono le comunità in cui erano vissuti fino a quel momento e cercarono una nuova patria, a migliaia di chilometri di distanza.

La principale causa del fenomeno dell'emigrazione di massa che ha coinvolto l'Italia tra il 1876-1976 è  stata di natura  economica e  si articola in molti fattori subordinati. Le partenze seguono all'inizio l'andamento della crisi agraria , dovuta alle massicce importazioni di grano americano, favorite dalla politica liberistica dei governi della Destra storica. Successivamente i flussi migratori risultano sempre più legati al crescente divario che la politica economica dei governi italiani produce all'interno del Paese, in relazione al decollo industriale che privilegia le regioni del Nord-Ovest e costringe le altre regioni in una situazione di immobilismo e arretratezza. Povertà e disoccupazione diventano quindi i principali fattori che determinano le partenze.

Altre cause importanti, che fanno sì che gli Italiani fuggano dall'Italia,  sono le malattie , dovute alla scarsa e poco sana alimentazione: sono dette anche malattie carenziali, perché determinate dalla carenza di un particolare fattore nutritivo, come la pellagra (carenza di vitamina PP) che provoca lesioni alla cute e al sistema nervoso; fra il 1887 e il 1910 si riscontrano ufficialmente 83.600 decessi per pellagra e all'incirca altri 20.000 fra il 1910 e il 1940. La pellagra era diffusa  soprattutto nel Nord Italia: era la malattia dei contadini che avevano come base della loro alimentazione la polenta, prodotta con la farina di mais, priva di vitamina PP. E' facile comprendere come malattie di questo tipo fossero estremamente diffuse tra i ceti più poveri che, inoltre, vivevano in ambienti malsani .

Alla difficile situazione economica si aggiungevano così le continue epidemie che decimavano la popolazione. Un' altra piaga sociale da sottolineare era il forte consumo di vino . Nella cultura popolare il vino da molti secoli era considerato anche  rimedio per alcune malattie o semplicemente "integratore" di un' alimentazione povera. Vari studi hanno portato a calcolare un consumo pro capite di vino in Italia pari a 95         litri nel 1890; nell'Annuario statistico del 1904 si registra un balzo nel consumo pro capite da 95 litri del 1899 a 120 litri del 1902. Dall'insieme di queste stime possiamo rilevare due punti fermi nell'uso di bevande alcoliche: dal 1861 al 1921 il consumo pro capite di vino aumenta di circa il 70%, nelle città si beve più che nelle campagne.

L'alto consumo di vino degenerava in alcolismo ed inoltre era causa di comportamenti devianti quali violenza e criminalità.   In Italia tra la fine del XIX secolo e gli inizi del XX secolo la criminalità era assai rilevante, e fu perciò anch'essa una causa di fuga dall'Italia, probabilmente per sfuggire alla giustizia. Ecco perché l'emigrazione fu definita anche: .export di criminali. Altre gravi piaghe sociali come l'analfabetismo, infine, relegavano popolazioni già colpite dalla miseria in una condizione di emarginazione sociale e di impotenza. Dal sito web : Cent'Anni di Emigrazione Italiana.

 

 

 

 

ITALIANI ALL'ESTERO - SVIZZERA - STORIE DELL'EMIGRAZIONE ITALIANA ...Per una storia dell'emigrazione italiana a Ginevra" è il titolo del libro, scritto da Barbara Bertolini, che sarà al centro della serata di lunedì 12 dicembre (ore 18 Missione Cattolica italiana a Eaux-Vives Rue de la Mairie 15) a Ginevra, promossa dal ...

Benni racconta i migranti di inizio 900Quando misero nuovamente piede sulla terraferma, per loro iniziò una nuova vita, il più delle volte non all'altezza di quanto immaginato: la vita da emigrati. Spettacolo di rara potenza emotiva, quello che Stefano Benni e Danilo Rea hanno portato in ...

Sala gremita per i 45 anni dei Bellunesi nel mondoIl primo obiettivo fu quello della ricerca di tutti gli emigrati partiti sparsi per il mondo. Un primo collegamento avvenne attraverso le “Famiglie bellunesi”, nuclei di emigranti già presenti in varie località svizzere e che da allora andarono ... 

Progetti regionali per l'occupazione per giovani disoccupati e ...Potranno presentare domanda i giovani disoccupati, inoccupati e inattivi, residenti in Sardegna, o emigrati o figli di emigrati ai sensi della LR n. 7/1991, di età compresa tra i 18 ei 32 anni alla data di pubblicazione del presente avviso, ...

A L'Aquila un workshop sul tema dell'immigrazione, organizzato dal ...Il progetto Migrantibus- promosso dall'Anolf di Teramo all'interno del Bando Emergenza Abruzzo - organizza il workshop "Sfide e opportunità per la ricostruzione sociale", che si terrà il prossimo 15 novembre a partire dalle ore 10.00, presso la Sala ...

MAR DEL PLATA - Scuola "Leonardo Da Vinci" di Mar del Plata: Scoperte targhe con nomi di regioni italiane su diversi aule della scuola. Lo scorso martedi 25 ottobre presso la Scuola Italiana Leonardo Da Vinci” di Mar del Plata sono state scoperte delle targhe in aule del piano terra che porteranno i nomi di regioni italiane che negli ultimi anni hanno portato avanti diversi iniziative con questa scuola. 
Spazio Giovane riferisce che......., alla cerimonia hanno presenziato il preside dell’Ufficio Scuola del Consolato d’Italia a Mar del Plata Vittorio Dragonetti, il presidente del Comites di Mar del Plata Raffaele Vitiello, il coordinatore della Commissione Nuove Generazioni del Comites di Mar del Plata Marcelo Carrara e diversi presidenti e dirigenti delle regioni coinvolte. Prima della cerimonia, i presenti hanno visitato la scuola che quest’anno celebra i 20 anni di vita, grazie al lavoro della famiglia Zampini.....Poi, ci fu la scoperta delle targhe dedicate alle varie regioni. (Spazio Giovane- Mar del Plata- ARGENTINA)

L'immigrazione vista con gli occhi degli emigrantiIl viaggio di emigrazione e l'esperienza di vita degli immigrati in provincia di Siena. E' questo il tema della prima edizione del concorso letterario “Racconti migranti in terre di Siena” i cui vincitori saranno premiati giovedì 17 novembre alle 10,30 ...

ESTERI: GARAVINI (PD), INVESTIRE SU ITALIANI NEL MONDO
“Nonostante la vecchia e la nuova emigrazione continuino ad apportare grandi benefici all'economia, alla cultura e all'immagine italiana nel mondo, in questi ultimi anni, i nostri emigrati hanno dovuto subire le politiche devastanti del Governo ...

L'Irpinia fra vecchie e nuove migrazioni: il seminario della Cgil
... Sebastiano Martelli dell'Università degli studi di Salerno su Gli emigrati raccontati: la letteratura italiana dell'emigrazione, Virgilio Caivano dell'Università Orientale di Napoli su Piccoli comuni tra vecchie e nuove migrazioni, ...

 

 

 

MAR DEL PLATA . XI SETTIMANA DELLA LINGUA ITALIANA NEL MONDO

 
Conclusi a Mar del Plata gli eventi che hanno coinvolto la collettività italiana Il programma televisivo Spazio Giovane trasmetterà immagini e interviste della giornata conclusiva presso la Casa d’Italia.  Nella prossima puntata di Spazio Giovane, programma televisivo dedicato alla collettività italiana presente a Mar del Plata, saranno trasmesse immagini ed interviste relative alla giornata conclusiva della XI edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo, intitolata Buon compleanno Italia, svoltasi a Mar del Plata sabato 22 ottobre.

Una settimana di cinema..., di opera,..., visita a scuole italiane e conferenze all’Università CAECE ... si è conclusa con un evento presso la Casa d’Italia di Mar del Plata organizzato dal Consolato d’Italia in collaborazione con il Comites, la Federazione delle Società Italiane in loco, la Società Dante Alighieri, le scuole del COASCIT (Comitato Assistenza Scuole Italiane) e il contributo di diverse associazioni regionali italiane. La giornata è stata inoltre dichiarata di interesse culturale dal comune argentino. 
Hanno partecipato all’evento associazioni e scuole italiane con stand di presentazione dei prodotti dell’enogastronomia, manifesti e volantini riguardanti i 150 anni di Unità nazionale, ovviamente presente lo stand del Molise, allestito grazie al lavoro in comune delle associazioni di Mar del Plata, la Collettivita Mafaldese e Molisana e l'Unione Regionale del Molise, i quali ci hanno rappresentato attraverso il teatro, i gruppi di ballo e corali. Nel corso della giornata sono stati consegnati i certificati di lingua italiana agli alunni che seguono i corsi di lingua nelle scuole di Mar del Plata, alla presenza del console Marcello Curci, ..., del preside dell’Ufficio Scuola consolare, Vittorio Dragonetti, del presidente del Coascit, Alberto Materia e del presidente del Comites di Mar del Plata, Raffaele Vitiello. Di seguito, si è svolta la consegna dei diplomi destinati ai docenti di italiano che hanno partecipato al corso organizzato in collaborazione con l’associazione Veneziani nel Mondo, il consolato, la Dante, il COASCIT, l’associazione italiana “Le tre Venezie” ed il CAVA (Comitato Associazioni Venete in Argentina).

Si sono succeduti poi diversi spettacoli culturali con coro, gruppi di ballo, di teatro, cantanti, bande musicali, ecc. Ha chiuso la giornata la premiazione concorso digitale Buon compleanno Italia organizzato dal Comites di Mar del Plata e l’esibizione del tenore Carlo Ferrari che ha interpretato canzoni del repertorio italiano tradizionale.Spazio Giovane creato da Marcelo Carrara e condotto da Natali Di Lucente, viene trasmesso tutti i venerdì e i sabato alle ore 9, domenica alle ore 10 e mercoledì alle ore 18.30 e in tempo reale su www.canal2mdp.com.ar. (Spazio Giovane/Mar del Plata – Inform)

 

 

 


 

 24 novembre 2011 – ore 17,30-21

Milanocosa A cura di Adam Vaccaro presenta  

 Lina Angioletti e le sue scritture

Contributi critici di:

Gilberto Finzi, Gaetano Delli Santi e Maria Anita Stefanelli

Testimonianze e letture di : 

 Fausta Squatriti e Adam Vaccaro

Una presenza culturale che vogliamo ricordare per i moltiplici sensi della sua eredità.

  Lina Angioletti era nata a Verona, ha vissuto a Milano e ha pubblicato oltre trenta opere di narrativa, poesia e saggistica. Ha svolto un lungo lavoro di traduzione, dedicato in particolare a opere degli americani Marianne Moore e John Dos Passos, degli inglesi Edith Sithwell e Dylan Thomas e del magrebino francese Tahar Ben Jelloun. Sue opere sono state tradotte in Americano, Arabo, Danese. È stata tra i soci fondatori di Milanocosa, di cui era Presidente.

 

Milano: Storia e Immaginazione

Con i curatori del libro Adam Vaccaro, Claudia Azzola, Luigi Cannillo e Laura Cantelmo

 

Intervengono:

Gio Ferri, Eleonora Fiorani e Michela Zucca Con letture di Patrizia Valduga e immagini di Romolo Calciati. 

 I caratteri generali del percorso proposto dal libro sono sintetizzati nel titolo. Squarci di storia anche ampi, che non hanno ovviamente la pretesa di offrire una storia di Milano, in primo luogo perché quasi tutti gli autori, a cominciare da noi curatori, non sono storici. L’obiettivo è stato quello di offrire…una molteplicità e ricchezza di sollecitazioni a un pubblico di esperti e non, coinvolgendo diversi ambiti e linguaggi. Nessuno sa tutto e chiunque può approfondire ulteriormente qualcosa.  Dalla Introduzione di Adam Vaccaro.

Info: Associazione Culturalre Milanocosa, Adam Vaccaro, Via Lambro 1,1 20090 Trezzano 

S/NT. + 39 02 93889474; + 39 347 71045841

E-mail: info@milanocosa.it  adam.vaccaro@tiscali.it

 
DOCUMENTI DI ATTUALITÀ  A CURA DI ADAM VACCARO
 
Segnalo agli interessati tra gli ultimi aggiornamenti di Adiacenze su www.milanocosa.it, un intervento dFranco Romanò  dal titolo "Riflessioni inattuali".  Nel turbinio economico-politico in atto, in cui l’Italia - grazie ai disastri del pagliaccio di Arcore e alle carenze di tutta la casta politica - è sempre più pedina di potenti manovre finanziarie e di mediocri burattinai europei, alias Merkozy di turno, si pone il problema del che fare per chi riflette criticamente (con un pensiero altro dalle logiche dominanti) su ciò che accade, in mancanza di referenti politici affidabili.  Adam Vaccaro.
 
RIFLESSIONI INATTUALI 

La dichiarazione congiunta di Merkel e Sarkozy di questa mattina ci aiuta a comprendere meglio cosa sta accadendo in Europa e in Italia.  Francia e Germania stanno studiando un modo di uscire dalla struttura euro come è stata pensata per varare un’Europa cosiddetta a due velocità. Ora si comprende meglio per quale ragione la Germania accettò l’idea di Draghi di tagliare il costo del denaro una settimana fa: misura sempre osteggiata dal governo tedesco, ossessionato dalle spinte inflazionistiche e non solo di crescita che tale misura comporta. L’accettò persino l’arcigno ministro delle finanze Schaubl, un cerbero con le orecchie foderate d’acciaio! Lo fece perché la cosa, in prospettiva, non riguarderà più la Germania, ma i paesi dell’area mediterranea. La Francia pensa di poter restare nell’area tedesca, ma quando i francesi vedranno cosa questo comporta in termini sociali e anche di rinuncia al loro mai sopito nazionalismo, non è detto che accettino supinamente.Continua su  http://www.milanocosa.it/temi-e-riflessioni/riflessioni-inattuali Con l'invito agli interessati a lasciare commenti Adam Vaccaro

 


 

Apre a Montreal la mostra "Fratelli d'Italia"
Viene esposta a Montréal in collaborazione con l'Istituto Italiano di Cultura di Montreal. La mostra sarà accessibile al pubblico tutti i giorni dal 20 novembre al 4 dicembre, dalle ore 15 alle ore 19. Apre a Montreal la mostra.

Stati Generali della Cultura: il Pd si prepara all'incontro
 Stati Generali della Cultura che si terranno a Roma i primi di dicembre: in quella occasione ogni singola regione e provincia italiana saranno chiamate a portare il loro contributo in termini di idee e proposte per il rilancio dell'intera Nazione. ...

Evoluzione del portale CulturaItalia sarà curata da Liberologico
Liberologico, capofila di un RTI insieme a Meta Srl, si aggiudica la gara per la manutenzione evolutiva di CulturaItalia, il Portale della Cultura Italiana promosso e finanziato dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali. Il Portale della Cultura ...

Weekend culturale al quartiere Risorgimento il 19 e 20 Novembre
Il Convegno è organizzato perchè quest'anno ricorre il 150° anniversario dell'Unità d'Italia e Dante Alighieri, padre della lingua italiana, nel Medioevo ha dato un contributo decisivo alla costruzione dell'identità italiana sia dal punto di vista ...

Cultura: Roma, alla Biblioteca Vallicelliana focus sul dialetto
Questo il titolo dell'incontro al quale interverra' Ugo Vignuzzi, docente di Dialettologia italiana nell'Universita' di Roma 'La Sapienza', che si svolgera' giovedi' alle 17 a Roma, nel salone Borromini della Biblioteca Vallicelliana.

Italiani all'estero, Artisti italiani al festival del Jazz di ...
L'ambasciata italiana in Uruguay ha contribuito ad organizzare l'evento, insieme all'Istituto italiano di cultura. L'obiettivo? Fare in modo di diffondere tutte le forme della grande tradizione musicale del nostro paese. ...

L'Eurasia di Giuseppe Tucci - Una mostra ed un convegno ricordano ...
Lo studioso di fama internazionale, esploratore e linguista insigne, autore di decine di saggi e studi tradotti in tutte le lingue del globo, vanto della cultura italiana del XX secolo, torna ad essere degnamente ricordato e commemorato nella “sua” ...

Da donne a donna (II edizione)
Grandi personaggi, grandi donne che ci hanno raccontato e che continuano a raccontare con il loro notevole apporto alla cultura italiana la grande vitalità dell'universo femminile. Tra esse, l'astronoma Margherita Hack, a cui verrà dedicato il primo ...

                                                         

                                                                                                       Scrivetemi