Yahoo! Small Business

                                                                                                                                                                                                                                                    

COMUNICAZIONE MOLISANI

 

 

 

Da leggere questa settimana in questa pagina

 

Rivisitiamo il Passato

Donato del Galdo : Il costante lavoro dei braccianti e dei contadini

Il Molise e i Molisani

Michael Santhers : Paese senza memoria, poesia

Franco Nicola : Società e Cultura, notizie...

Franco Nicola : Ricette del Molise

I nostri fratelli abruzzesi

Dal web : Musei e siti Archeologici Abruzzesi

Franco Nicola : Società e Cultura, notizie... 

L'Angolo dell'Emigrato

Vincenzo Lombardi : L'Emigrazione dal Molise

Sal web : I Nostri nel mondo, notizie......

 

Transaltors for this page:

Traducteurs de pages web:

http://translate.google.it/?hl=fr&tab=wT#

 http://www.systransoft.com/

 

 

 kalendese@gmail.com


 

 
 

                                                                                                                                                                                                                                                           

Rivisitiamo il Passato

 


 

 

 I contadini de Molise a cavallo tra gli anni '800....'900

Dal libro ''VITA DI CONTADINI'' di Donato del Galdo, Maggio 1981, Edizioni Enne, Campobasso.

 

 

Il costante lavoro dei braccianti e dei contadini

 


Braccianti

 

Interi gruppi di braccianti e di contadini per provvedere ad avere la legna e le ceppe occorenti alla famiglia per il consumo del fuoco durante l'inverno si impegnavano per il lavoro di disboscamento dei ciocchi di quercie e di altri alberi di grosso fusto, già tagliati al livello del terreno.  I ciocchi e le radici scavati in tutta la loro profondità venivano estratti a tutto vantaggio dei braccianti.  Il proprietario del fondo aveva la maggiore utilità, perchè dopo lo scavo di tutti i ciocchi da parte dei braccianti, avrebbe potuto far arare il fondo in tutta la sua capienza.  I lavori di scavare i ciocchi del terreno comportava una dura fatica.  I colpi di piccone, il lavoro delle pale per allontanare la terra dalle radici per mettere a nudo il ciocco.  La scure si adoperava assecondo le dimensioni delle radici da recidere, più piccola o più grossa.  I ciocchi da disboscare erano ancora verdi e l'azione della scure e del piccone adoperato per fendere la dura terra ed anche contro le radici era alquanto agevolata.  Cosicché il terreno si rendeva coltivabile con poca spesa.  Il proprietario del fondo  aveva avuto bonificato il terreno solo col prezzo dei ciocchi.

 

Durante questo lavoro si rimaneva in campagna alla sera per tutto il periodo che sarebbe durato da due a tre settimane.  Si dormiva su giacigli improvvisati con paglia e ristoppia, al riparo di piccole barriere anch'esse improvvisate con fascine di ceppe.  Alle sere che il cielo dava evidenti segni di cambiamenti durante la notte, bisognava recarsi a chiedere ospitalità alle masserie più vicine, ma ugualmente lontane e scomode per poterle raggiungere.  Allora si decideva di rifugiarsi in una vecchia grotta scavata nella roccia di tufo con affianco la masseria dirupata.... Il locale alquanto misterioso sorgeva sul greppo del torrente Cigno, in agro di Sant ' Elia a Pianisi.  Sembrava di tornare indietro nella notte dei tempi primitivi dell'uomo....

L'ansia di provvedere la legna e le ceppe occorenti per l'invernata, a che d'altronde con il denaro contante non vi era possibilità di poterla acquistare, imponeva a noi tutti di resistere contro le dure avversità per le due o tre settimane di lavoro extra normale.

 

 

Le ristrettezze economiche del zappatore di terra

 

Lo zappatore della terra, durante il periodo di cattivo tempo, avendo necessità economiche familiari, si presentó da diversi datori di lavoro a chiedere qualche piccolo prestito in denaro per il quale s'impegnó di prestare la sua opera

bracciantile al ritorno del tempo buono, quando i lavori potevano essere eseguiti.  Il tempo buono ritardó a giungere per cui dopo si verificó il fatto che tutti datori di lavoro avevano urgenza di zappare il vigneto, per prima cosa da farsi nella campagna, perché le vite erano già pronte a sbocciare le loro gemme e la zappatura ritardata avrebbe causato dei danni di rottura delle gemme.

 

Cosicché da zi' Teodoro si presentarono contemporaneamente diversi curateli a sollecitare la sua andata ai lavori di zappatura per lo scomputo del denaro che aveva avuto in prestito.  Zi'  Teodoro si scusó e disse: '' Non potró scompormi in tante parti quanti voi siete a richiedermi'', e aggiunse: ''dovete darmi tempo, verró nei giorni che seguiranno perció dovete, se volete, pregare per la mia buona salutre''.  Ma uno dei curateli più insistenti degli altri disse : ''Il prete ora ha bisogna della tua opera di zappatore, dopo no''.  Ebbene se é cosi dirai al Signor curato che io posso anche venire a scomputare il denaro che mi ha prestato, il giorno della festa di Sant'Elena a tirare le campane a distesa in segno di festa''.  La risposta da riportare al curato era più che eloquente. Donato del Galdo

 


 

 
Yahoo! Music Unlimited

                                                                                                                                                                                                                                                           

Il Molise e i Molisani

  

                                                               

 

PAESE SENZA MEMORIA

 

-È questo il paese dove

il futuro spera l'imbroglio

di accaparrarsi un loculo

reso meno greve al pensiero

di estati roventi dalle ruote d'ombra

di due soli cipressi che si sentono vivi

al raro ondeggiare fino in cima a baciarsi

un paio di volte all'anno

grazie a un vento di mare impetuoso

che rastrella sbuffi di antichi malvagi umori

 

-Il passato é una lunga catena di ossa

con anelli mancanti, senza storia,

furono uomini condannati a miserie

 

Michael Santhers

Da Pietre e Utopie

www.santhers.com

 

                                                                           

 




e al piattume di idee

resi nulla come un buco di dito nell'acqua

e vano fu in tendersi la mano in allaccio

a continuare una traccia di lascito

 

-Oh! Signore del nulla

fermato nella pazzia per infinite icone

prestigiate in implori e raggiri dolenti,

liberaci da questo posto

conteso da mappe come scarto d'errore

ove sagome in invidia a fantasmi

portano a spasso il dolore

per farlo stancare, sperando

almeno nel tempo che va da uno sbadiglio

a un riparo di palmo a coprirlo....riposi

 

 

 

ELEZIONI

Riflessione a caldo su una tiepida campagna elettorale

L’elettorato molisano si è diviso in tre tronconi: quelli che non credono più nei partiti tradizionali (circa un 45 per cento, tra grillini e astenuti), quelli che vorrebbero un cambiamento politico (circa un 27 %), quelli che preferiscono conservare l’attuale establishment istituzionale (circa un 28 %). Ed è uno scenario non tanto dissimile da quello nazionale. Il vero problema del prossimo futuro è che quel 45 per cento di indignati-sfiduciati-disaffezionati della politica potrebbe innescare movimenti centrifughi e disaggreganti anche nel sistema dei partiti tradizionali, con esiti fortemente destabilizzanti anche per le istituzioni pubbliche

Bisogna riformare il Moise  "Egregio presidente, Le scrivo nel pieno delle operazioni di voto, ad urne ancora aperte. Non conosco, di conseguenza, il nome del destinatario delle mie riflessioni, ma so per certo che, superata la sbornia dei propositi elettorali e dei festeggiamenti, Lei ha ora l’ingrato compito di agire. Il Laboratorio Molise può essere il luogo del confronto e della sintesi, lo stimolo a fare subito in Molise le riforme che in Italia arriveranno forse tra dieci anni: investendo su noi stessi, sulla nostra

Molise al centrodestra per 1.500 voti  Il verdetto è arrivato dopo uno scrutinio infinito, incredibilmente lento: il centrodestra perde terreno ma conquista per la terza volta di seguito il Molise, mentre vengono sconfitte le velleità del centrosinistra. Soli 1.505 voti di differenza che ...

Le colpe del Molise  In questi giorni sta infuriando una clamorosa -ma non del tutto inaspettata- polemica sui risultati delle elezioni Regionali in Molise. Dai risultati definitivi ne esce un centrosinistra sconfitto per pochissimi voti: un penoso calo d'affluenza porta i ...

IL CENTRO DESTRA TIENE IN MOLISE  Lezione Molise. Bocciato il romagnolo Pierluigi Bersani. Sconfitto il Pd che ora litiga tra veltroniani e dalemiani. Buona la tenuta di Di Pietro (il figlio Cristian entra in Regione con 2500 voti di preferenza). Sparito Fini senza più Futuro e ...

In Molise le donne non esistono. « NON SI POSSONO FERMARE ...  Nel PDL (Campobasso) candidate 4 donne di cui una eletta, l'unica donna che siederà nel consiglio regionale del Molise. E però….il PD porta a casa 3 eletti del 1962 (49 anni), del 1970 (41 anni) del 1978 (33). Gli altri tranne uno o due casi ...

Molise, la sconfitta si trasformi in lezione  Al posto dei commentatori del centrodestra, sarei cauto nel salutare la conferma di Michele Iorio in Molise come una vittoria politica di quello schieramento e, ancor più, di Silvio Berlusconi. Non solo perché la coalizione di Iorio, allargata all'Udc ...

Risultati regionali: perle, pirla, partiti minori e partiti minoratiTra le regioni italiane il Molise è penultimo per demografia. Qui il "Terzo polo" non esiste. Difatti è stato sufficiente eliminare il nome "Berlusconi" dal simbolo utilizzato dal Centrodestra sulle schede elettorali e Casini ha desistito ...

Una lezione dal Molise  Che il fenomeno della personalizzazione della politica sia più complesso lo dimostrano anche le recenti elezioni regionali del Molise. Elaborando i dati disponibili sul sito del ministero dell'interno abbiamo ricostruito questa tabella, nella quale è ...

Una riflessione “a caldo” su una tiepida campagna elettorale  Le elezioni regionali in Molise si sono svolte. Una certa tiepidezza le ha accompagnate lungo il percorso: pochi i dibattiti, pochi gli argomenti, pochi i progetti innovativi, da una parte e dall'altra degli schieramenti in campo. ..

 

                                                                                                        

 I VOSTRI GIORNALI MOLISANI ONLINE

              Il Giornale del Molise //  Primonumero  //  Termoli Online  //

Altro Molise  //  La Gazzetta del Molise  //  Prima Pagina Molise  //

Echo del Molise  //   Pagine Facili  //  Molisenews  //  Futuro Molise

La Fonte //  Molise it Notizie  //  Café Molise   //  Nuovo Molise  // 

 Un mondo d'Italiani  //  Il Bene Comune  //  MyNews

 

 

LARINO : MOLISE/SANITA': OPERATIVO CENTRO PEDIATRICO BAMBINO GESU' A LARINO  Si tratta di un Centro di I livello di Pediatria: i piccoli pazienti del Molise avranno cosi' la possibilita' di ottenere prestazioni sanitarie, qualificate e facilmente accessibili, che comporteranno benefici gestionali ed economici per il Servizio ...

CAMPOBASSO : MOLISE/REGIONE: BANDO PER TIROCINI IN TRIBUNALE CAMPOBASSO  E' stato pubblicato sul Bollettino Ufficiale della Regione Molise il Bando per tirocini di formazione ed orientamento per la ricerca di giovani laureati e diplomati da impiegare negli Uffici giudiziari e nelle singole ...

ABRUZZO E MOLISE: CREDITO POPOLARE SALDO RIFERIMENTO DEI TERRITORITra le regioni del Meridione, l'Abruzzo e il Molise hanno subito pesantemente gli effetti della recessione. Dopo la marcata contrazione provocata dal terremoto dell'Aquila del 2009, l'economia dell'Abruzzo ha mostrato alcuni segnali di ripresa nel 2010 ...

SANTA CROCE DI MAGLIANO   Dopo 15 anni di assenza il Molise torna a gareggiare nella Coppa ... Non poteva esserci miglior ritorno alle gare nella massima competizione nazionale della Coppa delle Regioni per il Molise e per la delegazione della Fise regionale. Dopo quindici anni di assenza l'Endurance Group di Santa ...

MOLISE  Occuparsi dell'Ambiente...A nome e per conto degli iscritti, formula i più sentiti auguri al Governatore Iorio ed agli eletti tutti per la vittoria ottenuta.Comunicando inoltre che sottoporrà  al Presidente ed alla futura Giunta  in tempi brevi iniziative  inerenti alle problematiche ambientali del territorio Molise per la  sua valorizzazione.....

MOLISE  Introdotto in Molise ilticket sanitario.  Il Molise introduce il ticket per il day hospital. Il 26 settembre scorso, ma la delibera non e' stata ancora pubblicata sul bollettino regionale, la giunta regionale ha fissato in 80 euro il contributo per il ricovero di un giorno in ospedale. L'istituzione del ticket, assieme al blocco del turn over, sono alcune delle misure messe in campo per abbattere il deficit del settore.

COLLI AL VOLTURNO Futurista, quiotidiano on line. Domani 12 ottobre alle ore 20.00 presso il ristorante “La Sosta” a Colli a Volturno ci sarà la presentazione de “Il Futurista” settimanale e quotidiano online diretto da Filippo Rossi. All’evento interverranno l’On. Fabio Granata membro dell’ufficio politico di Futuro e Libertà per l’Italia e vice Presidente della Commissione d'Inchiesta sul Fenomeno della Criminalità Organizzata Mafiosa, il direttore della testata Filippo Rossi, il capogruppo presso il consiglio regionale Tony Incollingo, il segretario provinciale di Isernia Gino di Silvestro e il membro dell’ufficio politico di Generazione Futuro Gianni Meffe.

CAMPOBASSO Stagione concertistica Amici della Musica . Secondo concerto della Quarantatreesima Stagione Concertistica dell’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis. Sabato 22 ottobre, alle ore 18,30 al Teatro Savoia di Campobasso protagonista sarà il giovane pianista molisano Enzo Oliva.

ISERNIA  Serata musicale dell'Eddy Lang Jazz. Si svolgerà oggi, giovedì 13 ottobre 2011 alle ore 21 nell’Officina della cultura e del tempo libero di Isernia situata in via Pio La Torre, la manifestazione intitolata “XXI° Eddie Lang Jazz Festival-Second Take”. Si tratta di un’interessante appendice della stagione estiva dell’ Eddie Lang Jazz festival che ha riscosso grande successo tra il pubblico e gli addetti ai lavori.

CAMPOBASSO Un nuovo libro sulla depressione di M. Bagnoli. E' disponibile da ieri nelle librerie il nuovo libro del giovane campobassano Michele Bagnoli, dal titolo "Come vincere la depressione ed essere felici con la PNL – Manuale di istruzioni della tua mente" (Editore Lampi di stampa). "La depressione non è una malattia vera e propria, ma è il risultato di un processo che le persone mettono in atto. Cambiando questo processo si possono ottenere risultati diversi, passando facilmente alla felicità, alla gioia di vivere, alla motivazione!": l’autore spiega in maniera semplice, chiara ed efficace, che la depressione non è un qualcosa che ti colpisce, ma sei tu stesso a crearla....

TERMOLI  Corsi di Pastorale.  Riprendono i corsi di formazione per operatori pastorali in diocesi a Termoli. A partire dal prossimo 24 ottobre, infatti, presso i locali della parrocchia di Maria S.S. del monte Carmelo, con inizio alle 18,30, prenderà il via la sessione annuale di questa importante iniziativa tesa ad accompagnare coloro che collaborano, a diversi livelli, nelle comunità parrocchiali del territorio.

SAN GIOVANNI ROTONDO Cori abruzzesi nella chiesa di Padre Pio. – Nella chiesa di Padre Pio disegnata da Renzo Piano a San Giovanni Rotondo si sono dati appuntamento i cori abruzzesi per trascorrere una domenica di spiritualità. La celebrazione eucaristica è stata presieduta dal vescovo emerito di Trivento, mons. Antonio Santucci. E il presule ha ricordato le sue origini abruzzesi per essere nato a Carsoli.

                                                                                                                                                              

 

Baccalà ubriaco

(2 porzioni)

 

 

Ingredienti

 

700 g di baccalà

alcune foglie di lauro

1 bicchiere di vino bianco, secco

4, 5  cucchiai d’olio d’oliva extravergine

2 cipolle, sale a gusto vostro

pepe a scelta

 

Preparazione

 

Tagliate il baccalà a pezzi  e mettetelo  in un tegame in pyrex, aggiungendovi l’olio d’oliva, le cipolle tagliate sottili, le foglie di lauro e una buona dose di vino bianco.  Non vi rimane altro da fare.  Fatelo cuocere nel forno scaldato a 275 gradi per 20, 25 minuti; e appena sentite l’odore della cottura, ritiratelo dal forno e servitelo.

 

Dal Libro di ''RICETTE DEL MOLISE''  Di Franco Nicola

RICHIEDETELO A QUESTO NUMERO 514.750.8993; OPPURE A QUESTO INDIRIZZO : business@amicomol.com   

 

 
 
 Yahoo! Personals

                                                                                                                                                                                                                                                     

I nostri Fratelli Abruzzesi

 


 

Musei e siti Archeologici Abruzzesi

 

Schiavi D’Abruzzo (CH) - I monumenti più interessanti di quest’area archeologica nei pressi di Schiavi d’Abruzzo sono i due templi risalenti ai primi secoli a.C. davanti ad uno dei quali è stato recentemente rinvenuto un altare.

asa Museo Signorini Corsi
L’Aquila (AQ) - Descrizione e Commento al momento non disponibile

Centro Studi Silone
Pescina (AQ) - Documenta la vita e le opere del famoso scrittore marsicano.

Centro Visita Fratello Insetto
Bisegna (AQ) - Interessante posto per gli amanti e gli studiosi di insetti.

 Istituto Nazionale Tostiano
Ortona (CH) - Il museo documenta la vita e le opere del noto musicista Francesco Paolo Tosti.

Museo Archeologico
Campli (TE) - Situato nel centro storico del paese, il museo è ospitato nei locali dell’ex convento di San Francesco ed espone reperti archeologici che provengono dalla vicina necropoli di Campovalano. In modo particolare si tratta di corredi funebri come vasi, utensili, piccole armi ed ornamenti personali. Materiali che danno l’idea di quelle che erano le abitudini quotidiani dei popoli che vissero nella zona nei mille anni precedenti l’avvento di Cristo.

Museo Archeologico
Lanciano (CH) - Nel museo sono presenti numerosi reperti, che vanno dalla preistoria sino al Medioevo, rinvenuti nella zona frentana.

 Museo Archeologico
Loreto Aprutino (PE) - Nel museo sono raccolti numerosi reperti archeologici rinvenuti nella zona vestina. Le sale espongono i reperti del santuario italico-romano di Poggio Ragone, della villa romana di Scannella Superiore, della necropoli di Paterno, degli scavi condotti fra 1995 e 1996 a Colle Fiorano e Cordano, e della necropoli italica di Colle Carpini.

 

 

SCRITTORI ABRUZZESI

 

Ennio Flaviano Nato a Pescara il 5 Marzo 1910 e morto a Roma il 20 Novembre 1972

 

Nato a Pescara nel 1910 a poca distanza da casa D’ Annunzio,in quello stesso borgo dove si dipanano le tre strade storiche della vecchia città, morto a Roma nel 1972.  Architetto con la vocazione del giornalismo e della letteratura.  Scrittore eclettico di vena moralistica, intendeva l’amore come unica salvezza dell’uomo moderno.  Dopo la laurea in architettura Flaiano passò al giornalismo e alla critica cinematografica e teatrale.  Il suo nome divenne famoso con la pubblicazione nel 1947 del romanzo “ Tempo di uccidere” con il quale vinse il premio Strega.

 

Gli scritti :

 

1956 “ Diario notturno’ // 1959 “ Una e una notte”  // 1970 “ Il gioco e il massacro” che ottenne il premio Campione ed entrò nella selezione del Campiello.  //  1971 “ Un marziano a Roma”.  //  1972 “ Ombre bianche”.  //  1973 “ La solitudine del satiro”.  //  1974 “ Autobiografia del blu di Prussia".  //  1976 “ Diario degli errori.

 

 

 

OGGI L'ABRUZZO

 

SOCIETÀ

EXPORT: L'ABRUZZO SBARCA A BRUXELLES CON "EXPOITALIA 2011"  L'Abruzzo sbarca a Bruxelles con "ExpoItalia 2011". Si tratta della piu' importante manifestazione italiana realizzata in Belgio, negli ultimi trent'anni. L'evento, organizzato dalla Camera di Commercio Belgo-Italiana con il supporto del ministero ...

ENERGIA: FUTURIS AQUILANA, SVILUPPO SOSTENIBILE PER L'ABRUZZO"  La filiera delle biomasse e delle agroenergia puo' costituire una opportunita' di sviluppo non solo energetico per l'Abruzzo, e in particolare per il territorio aquilano. Il Trentino Alto Adige con un patrimonio forestale di circa 400.000 ettari ed ...

Lo strano caso della Fondazione Abruzzo solidarietà e sviluppo e ...  Nell'inchiesta sono coinvolte come indagati altre tre persone: il sindaco di San Demetrio ne' Vestini Silvano Cappelli, l'ex assessore regionale e provinciale Mahmoud Srour e il presidente di Eurispes Abruzzo Nicola Ferrigni. ...

RICOSTRUZIONE: POTENZIATO SERVIZIO SMILE GRAZIE AGLI ABRUZZESI IN ...
“La Struttura commissariale – ha detto Antonio Morgante, responsabile della segreteria del Commissario Chiodi – è stata lieta del fatto che la Federazione delle Associazioni Abruzzesi in Venezuela abbia destinato una somma, pari a 72 mila euro, ...

In Abruzzo la Caritas scende in campo per fronteggiare le nuove ...  In Abruzzo, una risposta importante a questo crescente bisogno sociale arriva dalla Caritas diocesana, guidata da don Marco Pagniello. Tra le iniziative messe in campo, va ricordata l'esperienza dell'Emporio della Solidarietà, una raccolta alimentare ...

Fisco: Centi (Anci Abruzzo) su Svimez, esiste cultura antimeridionale  Cosi' ha commentato il presidente di Anci Abruzzo, Antonio Centi, i dati relativi ai residui fiscali regionali per il biennio 2004-2006, pubblicati sulla 'Rivista Economica del Mezzogiorno', trimestrale della Svimez. "Ci e' stato raccontato un ...

ECONOMIA: CHIODI, ABRUZZO IN RIPRESA CON POLITICA DI RIGORE  Purtroppo le imprese abruzzesi in passato non lo hanno fatto e oggi fanno fatica ad iniziare. Bisogna cambiare anche la cultura d'impresa e per questo manderemo due giovani abruzzesi, pagati dalla Regione Abruzzo, a lavorare nella Banca Mondiale per ...

Fossacesia, nasce "Un cantiere di idee in Abruzzo"... condividere valori e ideali comuni, per far nascere un “Cantiere di idee per lo sviluppo culturale ed economico dell'Abruzzo, per sensibilizzare al senso etico e alle scelte partecipate, per ribadire con forza la propria adesione alla legalità. ...

Centini Chocolate, il cioccolato d'Abruzzo « Luciano Pignataro ...  Ezio Centini, maestro cioccolatiere d'Abruzzo si presenta orgogliosamente come figlio di fornaio. Vive e lavora a Bisenti, in provincia di Teramo. Qui suo padre ha fatto il pane per tutta la sua vita e ad un certo punto lui è entrato nell'attività di ...

L'Aquila specchio dell'Italia (Agenda Italia Cultura 19/10/2011 ...
Il senatore abruzzese del Pd Giovanni Legnini e il giornalista de "Il Messaggero" Claudio Marincola discutono delle promesse mancate dopo il terremoto de L'Aquila, a partire dal reportage "Il miracolo dimenticato" di Antonella Madeo.

Burocrazia, grande riforma dell'Abruzzo Che cosa dovrebbe fare l'Abruzzo di fronte alla crisi? La presentazione del bel libro “La convergenza mancata” del professore Giuseppe Mauro, nostro stimato commentatore, una storia e un'esame del sistema economico regionale, è stata l'occasione per un ...

L'Abruzzo e il caso produttività C'è bisogno di una riflessione meno emotiva, perché quei dati positivi, a volerli guardare un po' più in profondità, danno molte informazioni utili sulla malattia del "paziente abruzzese". Nel secondo trimestre del 2011 l'occupazione ha conosciuto ...

Blow Car: la macchina gonfiabile made in Abruzzo Si appresta a debuttare ufficialmente nel Motor Show di Bologna la 'Blow Car', ossia la tecnologica microcar creata interamente in Abruzzo. Per l'occasione verranno esposti due prototipi, uno in grado di camminare sulle strade e un altro statico. ...

Inaugurato il nuovo Ponte sul fiume Tronto, un opera utile e ... San Benedetto del Tronto | Si è svolto stamane alle ore 11.45, sotto una leggera pioggia il taglio del nastro per il nuovo Ponte che unirà le Marche e l'Abruzzo, facilitandone la viabilità. Guarda la Gallery dell'evento. Costato circa 9 milioni di euro ...

ABRUZZO: MASCI, PARTE RIFORMA SPORTELLO UNICO ATTIVITA' PRODUTTIVE Lo ha annunciato oggi, nel corso del convegno ''La riforma dello Sportello unico attivita' produttive'', l'assessore agli Enti locali della Regione Abruzzo, Carlo Masci. ''Con la costituzione dei tre tavoli - ha spiegato - la Regione ha gia' avviato ...

ABRUZZO/FISCO: AGENZIA ENTRATE E 44 COMUNI INSIEME PER LOTTA EVASIONE Ad oggi sono 44 i Municipi abruzzesi che hanno deciso di collaborare concretamente con l'Amministrazione finanziaria nella segnalazione di informazioni utili a qualificare comportamenti elusivi ed evasivi. Di questi, 27 hanno aderito al protocollo ...

Export: Abruzzo sempre più forte in Belgio Con 8,8 Milioni di euro (+ 13,5% rispetto al medesimo periodo del 2010) il Belgio, nei primi sei mesi del 2011, si conferma il settimo mercato estero per i prodotti alimentari e le bevande abruzzesi. In particolare: pasta e ...

ABRUZZO/FISCO: AGENZIA ENTRATE E 44 COMUNI INSIEME PER LOTTA EVASIONE Ad oggi sono 44 i Municipi abruzzesi che hanno deciso di collaborare concretamente con l'Amministrazione finanziaria nella segnalazione di informazioni utili a qualificare comportamenti elusivi ed evasivi. Di questi, 27 hanno aderito al protocollo ...

Cori abruzzesi nella chiesa di Padre Pio. – Nella chiesa di Padre Pio disegnata da Renzo Piano a San Giovanni Rotondo si sono dati appuntamento i cori abruzzesi per trascorrere una domenica di spiritualità. La celebrazione eucaristica è stata presieduta dal vescovo emerito di Trivento, mons. Antonio Santucci. E il presule ha ricordato le sue origini abruzzesi per essere nato a Carsoli.

 

 

 

 

CULTURA

“Hera la Dea del Matrimonio: ori nuziali in terra d'Abruzzo  La conferenza della Gandolfi, attraverso un'analisi sociologica delle tradizioni, della cultura e del folklore d'Abruzzo, metterà in evidenza il rapporto tra l'uomo e la società locale nel corso dell'ottocento e novecento. “Un viaggio attraverso i ...

IMPRESE: ABRUZZO IN FIERA ALL'EXPO ITALIA DI BRUXELLES  La Regione Abruzzo e' presente all'Expo con una collettiva di oltre trenta azienda, di diversi settori quali artigianato artistico, oreficeria, specialita' alimentari, olio, vino, liquori e associazioni di promozione territoriale. ...

L'Abruzzo protagonista della prestigiosa vetrina di "Expoitalia 2011"  Fra gli espositori, numerose aziende appartenenti al sistema Confapi”,ed altre la cui partecipazione è stata voluta ed incentivata dalla “Direzione allo Sviluppo Economico della Regione Abruzzo e dal Centro Estero Abruzzo. ...

ABRUZZO/ECONOMIA: CHIODI, IN RIPRESA MA DEVE CRESCERE CULTURA D ...  ''Nel 2010 i maggiori istituti di analisi hanno riconosciuto all'Abruzzo il trend positivo per crescita e dinamismo, soprattutto negli ambiti dell'esportazione e dell'occupazione - ha proseguito - .Tutto cio' non significa che l'Abruzzo stia vivendo un ...

Il Parco Nazionale d'Abruzzo a 'Biodiversamente' evento sulla ...  Nei giorni 22 e 23 ottobre prossimi, “BiodiversaMente” 2011, l'evento organizzato dal WWF Valle del Sele (Sa) con l'Associazione Nazionale Musei Scientifici vedrà anche la partecipazione attiva del Parco Nazionale d'Abruzzo. L'iniziativa rientra tra le ...

150 anni Unità Italia: premio camera deputati per patrimonio Abruzzo  Roma, 20 ott 2011 - Celebrare il 150.mo anniversario dell'Unità d'Italia valorizzando l'arte contemporanea e contribuendo alla ricostruzione del patrimonio culturale abruzzese danneggiato dal sisma del 2009. Con tale intento, su iniziativa della Camera ...

Abruzzo: Premio Nazionale Paolo Borsellino 2011, 16 anni di incontri Questa edizione si svolgerà dal 21 al 29 Ottobre con convegni e spettacoli nei Comuni di Pineto, Roseto degli Abruzzi e Giulianova. La 16esima edizione del Premio Paolo Borsellino, promossa dall'Associazione Culturale-Onlus "Società Civile", ...
ABRUZZO: OPERATORI TURISTICI TEDESCHI IN VISITA "Il tour degli operatori turistici tedeschi in Abruzzo, rientra nell'azione di promozione del territorio avviata dalla Regione per consolidare i mercati europei che tradizionalmente guardano con attenzione all'offerta turistica abruzzese. E' stato un ...

 

Cruise to the Caribbean! Click Here

                                                                                                                                                                                                                                                  

L'Angolo dell'Emigrato

 

 

L'Emigrazione dal Molise 

di Vincenzo Lombardi, settembre 2007, ASEI

(Archivio Storico Emigrazione Italiana)

 

Gli aspetti e le dinamiche generali della diaspora molisana sono sufficientemente chiari, tanto da portare molti studiosi e storici contemporanei a ritenere necessario - anche per il Molise - un approccio analitico più articolato e penetrante. Ormai, all’emigrazione molisana non si può guardare da angolazioni univoche e con ottiche prevalentemente quantitative. Da questa considerazione discendono almeno due valutazioni. In primo luogo, la grande importanza di profili di lettura qualitativa determinanti per la comprensione del fenomeno. In secondo luogo, la sicura fecondità e la maggiore efficacia di un approccio alla dimensione locale. Da una parte, è vero che alcuni aspetti sono stati certamente chiariti: ad esempio il fatto che l’emigrazione è più antica di quanto possano dichiarare le rilevazioni statistiche nazionali ufficiali che prendono il via dal 1876, così come sono numerose ed ampie analisi economiche delle cause dell’emigrazione. Dall’altra è altrettanto vero che - come suggeriscono alcuni studiosi - nell’affrontare gli aspetti principali del fenomeno migratorio si sono create, inevitabilmente, alcune gerarchie: ad esempio, rispetto alle indagini dedicate a condizione sociale, mestiere, quantità, periodo e zone di provenienza e destinazione, si è studiata soprattutto l’emigrazione contadina dei primi anni del Novecento proveniente dal Meridione e dal Veneto verso le Americhe, conseguente alla crisi agraria; inoltre, sono stati considerati maggiormente gli aspetti espulsivi, come eccesso di popolazione, scarse risorse, arretratezza economica, e le forze d’attrazione, come richiesta di manodopera, salari appetibili, mobilità sociale.
 
Oggi risulta senz’altro utile una maggiore attenzione agli aspetti sociali e culturali dell’emigrazione, all’impatto degli emigrati con la società d’arrivo e alla rete di contatti con i paesi d’origine, così come appare attraente, per comprendere i diversi atteggiamenti ed i vari comportamenti delle persone, indagare le motivazioni soggettive e le aspirazioni poste alla base della scelta di partire............A partire dagli anni Ottanta, molte piccole comunità molisane sono investite dalle dinamiche di un fenomeno che coinvolse a macchia d’olio il Molise a partire dalle zone montane dell’isernino, interessando soprattutto le zone caratterizzate dalla “piccola proprietà contadina particellare caratterizzata dalla cerealicoltura e da colture promiscue di sussistenza legate ad altre attività artigianali e soprattutto silvo-pastorali”..........

 

Per quanto concerne la popolazione delle piccole comunità molisane durante i secoli XIX e XX è possibile ricostruirne l’evoluzione quantitativa attraverso l’esame di varie fonti. Fra queste hanno un ruolo cardine, oltre ai registri dello Stato civile, i censimenti, a partire dal primo del 1861 realizzato dal Ministero d’agricoltura, industria e commercio, i Registri delle vaccinazioni e quelli dello Stato di variazione degli utenti di pesi e misure: tali fonti permettono di rilevare frequenti anomalie fra quelli ministeriali e quelli comunali; di osservare le variazioni di popolazione dovute a malattie o epidemie; di riscontrare gli scarti fra presenti e residenti, spie di possibili movimenti migratori. Risultano, inoltre utili, fonti occasionali come, ad esempio, il Questionario per l’Inchiesta sulle condizioni igienico-sanitarie dei comuni del Regno. Anno 1885.
Utilizzando le fonti indicate, si può esemplificare la costruzione di scenari validi per molte comunità molisane. In linea con quanto stava succedendo in Italia, moltissime piccole comunità della regione registrano un progressivo calo di popolazione che dai primi anni Novanta, progressivamente, diventa sempre più sensibile. Ad esempio, in un circondario del Molise centrale, fra il 1882 ed il 1889, in comuni limitrofi si osservano dati molto diversi.......

Il costante ridursi dei residenti è l’effetto più eclatante del flusso migratorio che, manifestatosi già dai primi anni Ottanta, a metà anni Novanta esplode in modo clamoroso sia come conseguenza della situazione regionale, non diversa da quella dell’intero Meridione, sia a causa di squilibri di interesse locale che, proprio in questi anni, trovano il punto di maggiore instabilità. Al fenomeno migratorio non sfugge, nonostante le differenze geo-economiche, alcuna area territoriale della regione. Infatti, “nella provincia di Campobasso l’emigrazione cominciò prima nei montuosi circondari di Isernia e di Campobasso” . I flussi migratori nei diversi comuni, nonostante l’omogeneità dei territori e le affinità degli equilibri economici e produttivi, appaiono fortemente differenziati. Una possibile spiegazione è individuata nella persuasiva tesi di Gino Massullo. Lo studioso sostiene che i comuni più fortemente e più precocemente coinvolti nell’emigrazione transoceanica” furono quelli che, meno vicini alle vie di comunicazione, non avevano conosciuto tradizionalmente le migrazioni stagionali (per pastorizia, mestieri e lavoro agricoli) che da una parte rappresentavano una abitudine “culturale allo spostamento, anche come forma di investimento, dall’altra costituivano sia attività lavorative di integrazione del reddito, sia un canale di dolce ammortizzamento di squilibri socio-economici.........
 
È osservabile come l’emigrazione, pur coinvolgendo prevalentemente la classe contadina, abbia effetti diretti anche su quella degli artigiani. Pur non essendo possibile in questa sede esaminare le relazioni fra i due fenomeni si può ipotizzare, considerata la forte valenza socio-economica dell’attività musicale itinerante, che l’attività bandistica, per chi possedeva la tecnica di uno strumento musicale adatto, rappresentava l’ultima forma per procurarsi un introito economico, o anche semplicemente alimentare, per la sopravvivenza, prima di decidere per l’emigrazione. Tale pratica è tanto importante da incidere almeno sui seguenti aspetti. Da una parte, costituendo l’ultimo baluardo economico prima di decidere la partenza, aiuta a resistere al forte flusso migratorio che investe il Molise nell’ultimo ventennio dell’800 e contribuisce ad evitare, o almeno a rinviare, l’espatrio. Dall’altra, una volta arrivati nella nuova terra, rappresenta una attività di sostentamento e, spesso, come testimoniano le istituzioni dei molti gruppi musicali negli USA, in Venezuela ed in Argentina, uno strumento di affermazione; non di rado diventa anche un importante canale di integrazione nella società ospite..........
 
Federico Orlando, in uno storico ma ancora valido saggio dedicato all’emigrazione molisana, sottolinea come la Prima guerra mondiale abbia provocato una flessione, ma non l’arresto, nel flusso migratorio che “scompare invece quasi del tutto dal 1931 al 1945 per le note leggi restrittive e per la Seconda guerra. Nel giro di un ventennio (1905-1925) si ebbero nel Molise 159.464 espatri contro 56.865 rimpatri. Si può dire quindi che in venti anni la popolazione molisana si sia trasferita oltre Atlantico”. Dopo una disamina di cause ed effetti deduce che “nel secondo dopoguerra le categorie dei coltivatori diretti si [ridussero] in uno stato di proletarizzazione pressoché identico a quello dei braccianti e dei fittavoli del 1870 e conclude che “nel giro di un settantennio un intero ciclo di assestamento sociale s’era compiuto, con un vertiginoso ritorno, però, al punto di partenza” . In realtà durante il periodo fascista l’emigrazione non scomparve, ma assunse altre forme. Certo i provvedimenti restrittivi adottati dagli USA, la crisi del 1929, le leggi “rurali” del regime condizionarono fortemente i movimenti di popolazione, tanto che nei primissimi anni trenta si può riscontrare un aumento di popolazione......
 
Subito dopo la fine della Seconda guerra mondiale il flusso dell’emigrazione riprese con la naturalezza di una consuetudine e – come a fine Ottocento– ripartì dall’Alto Molise per poi estendersi all’intera regione. Fra le mete scelte Australia, Brasile, Canada, Argentina, Venezuela, Uruguay, ma il flusso migratorio, a carattere prevalentemente temporaneo, già da metà anni Cinquanta, predilige i paesi europei: Inghilterra, Francia, Belgio, Germania.  Il coinvolgimento - anche quantitativo - del Molise nel fenomeno è continuato fino alle soglie del Duemila: “Dalla metà degli anni ’70 del secolo scorso, da quando cioè si può disporre di dati di rilevamento attendibili, fino alle soglie dell’ultima decade del nostro secolo, solo gli espatri ufficiali dal Molise sono stati oltre 600 mila, su una popolazione, è bene ricordarlo, di 363 mila nel 1881 e di 324 mila nel 1997 .  Vincenzo Lombardi

 

 

I NOSTRI NEL MONDO

                                                                                                                                        

Giornate dell' Emigrazione: Missione in USA / Canada - Report  Anche quest' anno abbiamo incontrato le comunità di italiani all' estero, per la quarta volta, dopo oramai sei edizioni della rassegna “Giornate dell' Emigrazione”. E' importante far partire i progetti, pensarli, avviarli. Ma forse ancora più difficile ...

GIOVANI ITALIANI ALL'ESTERO - PELAGGI:"LEGGI ANACRONISTICHE".ON ...  Fino a 20 anni fa l'unica forma di salvezza per un giovane dell'America Latina era quella di lasciare il proprio Paese; oggi l'America Latina sta conoscendo una fase di grande ripresa e attira un grande numero di emigrati, tra cui ci sono molti ...

Se avete le giuste competenze, istruzione ed esperienza lavorativa potete emigrare verso il Canada sponsorizzati da una Provincia o Territorio. 
Trovare lavoro all'estero con Starbucks
Starbucks può offrire un biglietto d'ingresso nel mondo del lavoro all'estero per tutti gli italiani che sanno usare una macchina del caffè. 

EMIGRATI SARDI: DA OGGI AD ABANO TERME V CONGRESSO FASI  Comincia oggi ad Abano Terme (Padova) il quinto congresso della Fasi, la Federazione delle associazioni di emigrati sardi nel mondo, con la partecipazione di 72 circoli e 350 delegati, che discuteranno un ampio documento diviso in quattro parti: la ...

L'Aquila, il centro Smile ristrutturato grazie agli abruzzesi in ...  Emigrati di prima e seconda generazione mobilitati in Venezuela all'indomani del sisma che ha colpito l'Abruzzo per contribuire alla ricostruzione della loro terra di origine. I fondi raccolti dalla Federazione delle Associazioni dei nostri ...

ITALIANI ALL'ESTERO – 150 UNITÀ – CELEBRAZIONI ASSOCIAZIONI ...  In una sala dell'antico Castello Mediovale di Vizzini, carico di storia, ha avuto luogo l'incontro tra alcuni componenti del Direttivo della Associazione Culturale Lombarda “Amici della Città di Vizzini” con i soci residenti in Sicilia. ...

Integrazione ed emigrazione, si lavora al museo regionale  “150 anni di unità ed emigrazione” il tema affrontato dal tavolo, a cui hanno preso parte esponenti politici, istituzionali e del mondo dell'imprenditoria, che si sono confrontati sul rapporto “italiani nel mondo 2011”, divulgato a Conza da Toni ...

«La strana sensazione» fa migrare la musica: tournee negli Usa con ...  La strana sensazione, gruppo molfettese degli anni '70, si è esibito a New York in occasione dell'Hoboken Italian Festival (New Jersey) la manifestazione che gli emigrati molfettesi realizzano ogni anno in parallelo con la festa della Madonna ...

Toscana: in Consiglio regionale conferenza su emigrazione e ...  E furono i nomignoli affibbiati dalle popolazioni autoctone ''a far sviluppare precocemente il sentimento nazionale nei tanti italiani emigrati all'estero, in partenza sentivano piu' spiccata l'appartenenza regionale o locale'', ...

 

 


 Over 15,00 Items on Sale