Aruba Getaways

                                                                                                                                                                           

COMUNICAZIONE MOLISANI

 

 

Da leggere questa settimana 

 

Rivisitiamo il Passato

Donato del Galdo : I contadini del Molise nel '900

(Le Classi sociali nei paesi molisani)

 

Abruzzo e Molise

Molise e Molisani

Alessia Mendozzi : Scrittori Molisani....questi sconosciuti

 Franco Nicola : Oggi il Molise, Società e Cultura

Michael Santhers :7 gennaio, poesia

Pietro La Barbera : Dsesideri Distonici, Radio Orizzonte

Abruzzo e Abruzzesi

Da Atlante della Memoria : La persecuzione degli Ebrei a Aquila

Franco Nicola : Oggi  l'Abruzzo, Società e Cultura 

Adam Vaccaro : Memorie del futuro, poesia

 

L'Italia e gl'Italiani

Dal web : Come superare la crisi economica


kalendese@gmail.com

            

 

                                                                                                                                                                            

Rivisitiamo il Passato

 

 

Donato del Galdo : I contadini del Molise nel '900

 

Le classi sociali presenti in paese.

In paese i cittadini erano divisi oltre che in categorie, anche per situazione sociale.  Vi erano i ricchi e i poveri.  I benestanti e i non benestanti.  Già prima della guerra 1915-18, vi furono le prime organizzazioni democratiche, sia da parte dei contadini, sia da parte degli agiati, i galantuomini.

 

Il Circolo Operaio

Il circolo operaio, con sede in via Forno, era sorto con la funzione di associare, contadini piccoli proprietari e i braccianti.  Vi aderivano anche gli artigiani, in una certa misura. L'organizzazione del circolo operaio aveva lo scopo recreativo e a sostegno dei diritti del ceto lavoratore. Si batté par la riduzione del pagamento del canone e del censo da pagare per i terreni di Montecalvo.  Si batté a sostegno della Fantina. Diritto di tagliare le ceppe, le tamarici e farne uso nelle masserie della zona di Montecalvo. 

 

Gli aderenti al circolo dovettero sostenere la causa contro l'Amministrazione Comunale che aveva denunciato i contadini che si erano recati a tagliare le tamarici.  La causa fu chiamata al tribunale di Larino e fu vinta dai contadini.  Gli aderenti al circolo operaio, chiamati a sostenere la loro difesa alla causa, avevano preso accordo, prima di partire per Larino, con gli altri aderenti che rimanevano in sede e con tuti gli altri cittadini simpatizzanti che al ritorno da Larino il loro arrivo in gruppo al luogo più rilevato in vista del paese, al tratturo , alla zona di Colle Monte, al confine con Bonefro e portando la bandiera del circolo spiegata alla testa del gruppo, voleve significare che la causa era stata vinta. 

Infatti prima del tramonto del sole, i contadini denunciati per aver rivendicato il loro diritto di fare le ceppe alla Fantina tornando da Larino si presentavano tutti in gruppo nel luogo indicato, alla cima del colle Monte, visibile dal paese.  L'aspirazione ad aver ragione per avere difeso il proprio diritto si era avverata.  Alla sera in paese ci fu l'accoglienza festosa a chi con coraggio e volontà aveva lottato contro la prevaricazione dell'Amministrazione Comunale. 

 

Sopraggiunta la guerra 1915-18 la maggioranza degli associati al Circolo Operaio furono richiamati sotto le armi e dovettero partire per la guerra.  L'attività del circolo venne a cessare.  Chi restava in paese non pensava a continuare nella vita associativa del Circolo.  I soci rimasti in paese erano ben pochi.  Le condizioni che il periodo di guerra dettava erano difficili e piene di incognite e preoccupazioni.

 

Il Circolo deli Aristocratici

Giè da quell'epoca, prima della guerra mondiale 1915-18, era costituito il Circolo Aristocratico, chiamato il Circolo dei Signori.  Esso raccoglieva i professionisti del posto e i maggiori possidenti di terreni. 

Il contrasto degli interessi economici tra i contadini produttori dei beni di consumo per l'alimentazione e i possidenti proprietari dei terreni dati in fitto o a mezzadria, era evidente.........

 

Il contadino povero al ricco

Un giorno un povero contadino povero zappatore di campagna, venne a discussione con il ricco possidente che

per quel giorno l'aveva assunto a lavorare la terra assieme agli altri zappatori.  La discussione avveniva nel fondo stesso del ricco signore.  Il rozzo uomo si sentiva maltrattato dal ricco signore e prese a difendere il suo diritto alla vita, ma il forte competitore lo soverchiava di parole e di invettive e il povero zappatore nella sua ignoranza ben fece una giusta riflessione che volle dire al ricco signore:  '' So che non mi darai più lavoro a giornata, peró saró soddisfatto solo quando a te avró detto quello che penso: la tua ricchezza ti è giunta per una via dubbia, possiedi oliveti che hanno tutti i nomi dei vecchi proprietari e cominció ad elencarne i nomi, sai dirmi il fondo di tua effettiva proprietà?''  Incalzato in tal modo da un contadino rozzo e analfabeta, il ricco signmore montó sulle furie e rivolgendosi al suo uomo di fiducia il curatelo, disse : ''Questo individuo non dovrai più chiamarlo per farlo venire a lavorare nella mia campagna''.  Poi si allontanó e non tornó più quel giorno.  Il povero zappatore di campagna aveva colpito nel segno. Dal libro ''Vita di Contadini'' di Donato del Galdo

 

CANTO DI S. ANTONIO ABBATE (Termoli, Gennaio 2012)

Ricevuto da Oscar di Lena


                                                                               

 


  Find your special someone

                                                                                                                                                                            

Abruzzo --- Molise

 

Scrittori molisani, questi sconosciuti...Quelli che li scoprono.

Una intervista di Alessia Mendozzi, estratta da Primonumero, 28 febbraio 2010

 

Intervista

 

1).........Sono davvero tanti gli scrittori di origine molisana. E’ anche vero che nella nostra regione, però, si sa davvero poco di loro...

«Infatti. Tra l’altro a noi interessa che questi autori non vengano solo presentati, ma che vengano letti. L’idea dell’associazione è nata proprio dalla consapevolezza che esiste una ricchezza letteraria poco o male conosciuta, dall’idea che essa sia molto spesso oggetto di studi ma raramente fonte di vero godimento intellettuale. Proprio per questo, la gente la considera una cosa da specialisti e non vi si avvicina con piacere. Noi pensiamo che un approccio diverso, diretto, servirebbe ad avvicinare un numero di lettori molto più vasto a questi autori».

 

2)........Anche a livello scolastico sono poco conosciuti.
«Non sono molto informata di quello che si legge nelle scuole. Mi sembrano rari, però, gli studenti che sanno qualcosa di questa letteratura. La nostra iniziativa è rivolta anche a loro».

 

3)..........Dietro questi scrittori ci sono molto spesso storie di emigrazione. Quanto influisce nelle loro opere la condizione di emigrante?
«Molto. I primi emigranti non sono scrittori, lo sono diventati però i loro figli, o coloro che sono emigrati in un periodo relativamente recente. Molti di loro conoscono appena l’Italia, hanno studiato nelle università di Toronto o di Philadelphia, sono pienamente inseriti nella vita sociale ed economica dei paesi in cui vivono, eppure tutti, più o meno, narrano la storia dei genitori, il proprio ambiente familiare ancora fortemente segnato dal mondo contadino italiano e il conflitto tra questo e il nuovo mondo urbano in cui si sono inseriti». 

 

4)..........Oltre agli incontri di lettura e al blog – dove c’è un’interessante sezione, ’Scopriamo l’autore’ – , in che altro modo promuovete la vostra attività?
«Collaboriamo a molte attività in cui sia possibile proporre autori illustri del Molise. La nostra ultima iniziativa, "Biblioteche Aperte" - patrocinata dalla Regione Molise e dall’Ambasciata del Canada - intende risvegliare quell’interesse per il libro che nel Molise ha avuto un’illustre tradizione e restituire a biblioteche e centri di lettura la loro primitiva funzione. Vuole, allo stesso tempo, far riscoprire anche le opere degli scrittori stranieri di origine molisana. Abbiamo già iniziato i nostri incontri di lettura a Casacalenda, a Ripabottoni, a Fossalto, a Montorio nei Frentani, e devo dire che non mi aspettavo una risposta così positiva. Nei prossimi mesi sono in calendario le biblioteche di Baranello e Ripalimosani, poi programmeremo una nuova serie di incontri in altri paesi».

 

5)...........Tra gli scrittori emergenti, c’è qualcuno che vuole segnalarci?
«Non mi risulta che ce ne siano tra gli stranieri di origine molisana. Tra quelli italiani di origine molisana, ultimamente si è fatta un nome con i suoi romanzi storici la milanese Carla Maria Russo.
Il canadese Nino Ricci, che esordì con il successo di "Lives Of The Saints" una ventina di anni fa, l’anno scorso ha vinto per la seconda volta il più importante premio letterario canadese, il Governor’s Award, con il romanzo "The Origin Of Species". Non so se ci sono scrittori dello stesso valore, al momento».

 

6)........Secondo lei, cosa si può fare per invogliare i giovani a scoprire gli autori della propria terra?
«La nostra risposta è nell’Associazione, nata appunto con lo scopo di far conoscere questi autori spesso nominati, pochissimo letti. Negli incontri che sto conducendo in varie biblioteche del Molise sono stati proposti libri di cui molti non avevano mai neanche sentito parlare, ma che dopo poche pagine di lettura fatta insieme a tavolino, hanno coinvolto e appassionato i partecipanti. La formula che abbiamo scelto è quella di fare della lettura anche un’occasione di incontro. Come per tante attività, la socializzazione completa il valore della lettura. I giovani presenti sono in genere pochi, capitati lì casualmente perchè magari accompagnavano le madri. Ma sono sembrati positivamente colpiti anche loro».

 

7)........Per quanto riguarda la reperibilità e la consultazione dei testi, com’è la situazione nella nostra regione e, in particolare, nelle biblioteche pubbliche?
«Molti degli autori su menzionati e altri si trovano, per esempio, nella Biblioteca Provinciale di Campobasso, e si possono prendere in prestito o consultare. Nelle piccole biblioteche non li ho visti, e nelle librerie è impossibile reperirli. Ricci e Fiorito, pubblicati nel 2004 e nel 2000, non sono più in commercio, e nemmeno le loro case editrici, a quanto pare, li hanno più. Si possono ancora reperire via Internet, però». Di  Alessia Mendozzi, in Primonumero it
 

 

                                                                        
7 Gennaio
 
Sfrattati i presepi 
spostati nelle cantine 
in ferie i Re Magi 
e le comete si fasciano la coda 

Le mamme scendono dalle scope 
frustano mariti grassi 
a fare footing negli uffici 

Preparano certificati medici gli Statali 
organizzano scioperi i professori 

Via vai di pellicce 
di segretarie annoiate 
riciclate da mogli di capi 

 

                                                                         

Sorridono, giardinieri,portieri 
e ruffiani vari 
addobbati di regalie frattaglie 
panettoni e spumanti 
di marche sconosciute

Preti e sacrestani
Prestigiano offerte
s'additano sleali trucchi
minacciano cause celesti

Affari d’oro in ferramenta 
a ruba moto seghe e coltelli 
al taglio di corna e malelingue 

 
Da: Poesie Cialtrone 

 

 

 

Ogni mercoledi dalle ore 20 alle ore 21, in diretta dal Molise, ascoltate

Radio Orizzonte  a cura di Pietro e Florence La Barbera nel programma

DESIDERI DISTONICI

 

 

 

 

   SOCIETÀ

 

CAMPOBASSO Testimonial d'eccezione per il calendario 2012- Sono iniziati lo scorso sabato mattina i primi scatti del calendario 2012 targato Cip Molise. Grazie all'interessamento di Michele Falcione, grande amico del movimento paralimpico regionale, e di un gruppo di imprenditori locali quella che ..

CAMPOBASSO Piano per il Sud, Iorio incotra premier Monti e Governo Il presidente del Molise, Michele Iorio, ha partecipato a Palazzo Chigi ad un incontro con il presidente del Consiglio, Mario Monti, e con i ministri Barca, Clini, Passera e Profumo. L'incontro era finalizzato a definire ..

ALTO MOLISE Riunificazione Alto Molise – Alto Sangro – Alto Vastese Riunificazione Alto Molise – Alto Sangro – Alto Vastese su ecodelmolise Credo anch' io che questo processo di aggregazione sia un fatto ineludibile se ..

MOLISE REDDITO MINIMO: MOLISE PRIMA REGIONE AD ISTITUIRLO I molisani non abbienti potranno usufruire del reddito minimo di cittadinanza. il sostegno economico, unico nel suo genere in Italia, e' stato istituito dalla regione con la Legge finanziaria regionale 2012, ...

CAMPITELLO MATESE Turismo: Campitello Matese, apre seggiovia 'Anfiteatro' Intanto le basse temperature - informa la societa' ''Funivie Molise'' - hanno consentito il funzionamento dell'innevamento artificiale che ha consentito la funzionalita' di tutte le piste.

MOLISE . Il Molise non cela farà da solo a risolvere tutti problemi della sanità. È il macigno che il presidente della Regione si porta sulle spalle ormai da anni. L’unico campo nel quale la politica diventa assolutamente vulnerabile, messa alle strette da decisioni delicatissime e schiacciata dalle responsabilità. È la sanità molisana, con il suo carico di criticità, problemi e questioni aperte, che è diventata una vera e propria “spada di Damocle” pendente sulla testa degli amministratori locali.

TERMOLI Inaugurazione della fiera delle novità e delle occasioni. Sabato scorso a Termoli è stata inaugurata la nona edizione della Fiera delle novità e delle occasioni.Alla presenza delle autorità locali, presso la struttura allestita per l’occasione in Piazza del Papa, ha aperto i battenti la prima fiera di settore dell’anno solare in Molise. Nelle giornate di sabato e domenica in migliaia hanno preso d’assalto gli oltre 2.400 mq di stand espositivi, alla ricerca dell’offerta migliore e dell’occasione unica.  Una fiera che vede espositori provenienti da diverse regioni d’Italia con vocazione prevalente per il settore enogastronomico.......

BOCA DE RIO COSIMOL: MINORI; PROGETTI REGIONE MOLISE PER BOCA DO RIO- Uno scenario sconfortante nel quale la Regione Molise, attraverso iniziative di cooperazione internazionale, ha deciso di intervenire. Il territorio di riferimento e' il quartiere di Boca do Rio, nella citta' di Salvador ...

MOLISE Tremila molisani hanno trovato lavoro Gli ultimi dati Istat mostrano un Molise in controtendenza rispetto al resto del Paese, lanciando messaggi di speranza per una situazione che certo non è ...

CAMPOBASSO TERREMOTO MOLISE: SINDACI, STATO CRITICITA' O MOBILITAZIONE
  Le popolazioni dei comuni molisani terremotati nel 2002 potrebbero scendere in piazza contro il governo se non sara' autorizzata la prosecuzione dello stato di criticita' nell'area. La mobilitazione e' stata anticipata da........

MOLISE Molise, terminati i lavori di potenziamento della rete ferroviaria L'intervento rientra tra quelli concordati con la Regione Molise per il miglioramento della mobilità ferroviaria regionale. Oltre all'adeguamento della stazione di Bosco Redole, è stata adeguata la galleria Colle Barone e sono stati rinnovati 50 km di .

MONTENERO DI BISACCIA  Bisogna riounificare l'Abruzzo e Molise secondo Di Pietro. Mentre il governo Monti vuol tagliare le Province, i consiglieri regionali dell'Idv Cristiano Di Pietro del Molise e Paolo Palomba dell'Abruzzo rilanciano a sorpresa la proposta di riunificare l'Abruzzo e il Molise ''per risparmiare ulteriormente''.''In questo particolare momento storico - spiegano - si impone la nostra idea, quella di riunificare le due regioni di Abruzzo e Molise. L'Italia dei Valori ha intenzione di portare avanti, concretamente, la riunificazione delle due entita' territoriali, sociali e culturali''

TERMOLI  Esplode anche a Termoli la protesta di camionisti e agricoltori ...... gomma e degli agricoltori è arrivata anche a Termoli e da ieri sera si è formato un presidio davanti al Casello autostradale della A14 'Termoli-Molise'. ...

MONTENERO DI BISACCIA  INAUGURAZIONE DELLA STAUA DI PADRE PIO  Si svolgerà domani, Domenica 22 gennaio 2012, a partire dalle 16.30, la cerimonia che vedrà il vescovo diocesano, mons. Gianfranco De Luca, benedire la statua e lo stendardo di san Pio da Pietrelcina, donati alla parrocchia dal “gruppo di preghiera Padre Pio” e successivamente celebrare la Santa Messa presso la chiesa San Matteo Apostolo di Montenero di Bisaccia. I tanti aderenti ai gruppi di preghiera parrocchiali presenti sul territorio diocesano, guidati spiritualmente da padre Antonio Pompilio e coordinati da Angela Rizzacasa saranno presenti al momento di preghiera. Entusiasmo ma non solo.

CAMPOBASSO.Il centro di salute mentale é finalmente realtà. 10 anni fa veniva istituito il Dipartimento di Salute Mentale a Campobasso con relativa nomina del sottoscritto. La situazione all’epoca era di 15 posti letto in reparto, mobilitá passiva, 104 posti nelle residenze psichiatriche, nessun presidio territoriale, una stanza per un ambulatorio “medico” con 5 psichiatri, professionalmente validi e capaci ma in un deserto organizzativo.

RIPALIMOSANI BORGO ALBERGO  Verrà presentato lunedì prossimo, 23 gennaio 2012, a partire dalle 9.30, al Palazzo Marchesale di Ripalimosanii, il progetto il progetto pilota realizzato dalla Matese per l'Occupazione S.c.p.a. per la valorizzazione del centro storico denominato "Ripalimosani Borgo Albergo".

L'iniziativa si inserisce nel progetto "Polyinvest", un percorso sperimentale internazionale che punta sul recupero del patrimonio immobiliare pubblico per la rivitalizzazione dei territori rurali e dei piccoli borghi.....

CAMPOBASSO Molisani onorati dell'ordine della Republica Italiana.  Onorificenze Esce dai palazzi della Prefettura di Campobasso la cerimonia di consegna dei diplomi di onorificenza dell’ordine “al merito della Repubblica Italiana”. Il prefetto, Stefano Trotta, con una scelta originale quanto condivibile, ha voluto privilegiare il territorio provinciale, per far recuperare significato al titolo assegnato nel nome della Repubblica Italiana e promuovendo il territorio di questa provincia.........A ricevere i diplomi il rettore dell’Università del Molise, Giovanni Cannata, a cui è andato il titolo di commendatore, undici invece i nuovi cavalieri: .....

PALATA DOMENICA 22 A PALATA LA `GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO` Domenica 22 gennaio Palata ospiterà la Giornata del Ringraziamento. Organizzata dalla Coldiretti, la manifestazione vedrà la presenza, fra gli altri, anche del presidente regionale della maggiore associazione degli agricoltori, Amodio De Angelis. Il programma della giornata prevede: alle ore 9.30...

LARINO Giornata della memoria, sabato l'evento al 'Risorgimento' Come ogni anno l’Istituto “D’Ovidio” si accinge a celebrare la Giornata della Memoria offrendo agli studenti e agli ospiti che interverranno un’occasione di riflessione..

TERMOLI Aratro, inaugurazione mostra il 26 gennaio 2012 alle ore 18  L’ARATRO presenta una mostra personale di Nino Barone (nato a Termoli nel 1955 dove vive), artista che conduce da molti anni una ricerca su un’astrazione attraversata da un..

CAPRACOTTA  Tedeschi: 'Funivie Molise gestirà Monte Capraro grazie a me' Affidamento della gestione degli impianti di risalita di Capracotta, Cosmo Tedeschi rimarca l'impegno speso in prima persona affinché la seggiovia di Monte Capraro fosse presa in carico da Funivie Molise Spa. “Con molta determinazione – afferma il ....

 

 

            CULTURA

 

CAMPOBASSO La Rai-Radiotelevisione italiana, con il bando del Premio nazionale letterario “LA GIARA” Aperto ai nuovi talenti della narrativa, dopo la scadenza della presentazione dei romanzi, il 31.12.2011, informa che si e’ tenuta una riunione riservata della commissione regionale Rai del Molise il 18 gennaio per l’apertura dei plichi arrivati presso la Sede Regionale Rai.

Termoli TEATRO, BUONA LA PRIMA DI SALOME’ IN GALLERIA CIVICA Buona la prima ieri sera, sabato 21 gennaio, per lo spettacolo “Salomè” di Oscar Wilde, portato a Termoli dalla regia di Ugo Ciarfeo con la compagnia di attori de Laltrotheatro in Galleria civica.

SAN MARTINO IN PENSILIS. Teatro..prove di laboratorio per far ridere a crepapelle. Dopo il fantastico debutto di ieri sera, quello genuino si preannuncia stasera alle 19, presso l’Auditorium della Scuola Media a San Martino in Pensilis, è un bis ancora migliore. La Società Operaia e il Piccolo Laboratorio Teatrale San Martinese - Teatri…amo -  Presentano lo spettacolo “Prove di Laboratorio – una rappresentazione teatrale dove la compagnia di autentici attori amatoriali con la loro unica passione che li accomuna, reciteranno e interpreteranno versi e sketch classici della comicità nazionale e brani inediti...

FERRAZZANO TEATRO, LA DIVINA ODISSEA DEGLI SPOSI..Questo accade nella locanda dove troviamo Ulisse e Penelope, Dante e Beatrice, Renzo e Lucia. Tre uomini e tre donne che si raccontano a vicenda le loro esperienze, che litigano, che flirtano. Nella nostra piéce giochiamo comicamente con questi personaggi, così importanti, per mostrarne il loro lato più divertente e inventando, fantasiosamente, come potrebbero essere queste persone se fossero coppie “normali”, con le loro ansie quotidiane, i loro desideri frustrati, i loro battibecchi.

ISERNIA Concerto in piazza con l'Accademia Bellini. Per festeggiare la vigilia dell’Epifania, i ragazzi e i docenti dell’Accademia musicale isernina “Vincenzo Bellini” si sono esibiti presso i locali del Centro Commerciale “In Piazza” a Isernia.....

VENAFRO  Splendori del Medioevo «La mostra che sarà inaugurata domenica presso il museo archeologico di Santa Chiara rappresenta per Venafro un evento culturale straordinario ma anche un’occasione di rilancio per il turismo della Città». Così, l’assessore al Turismo Adriano Iannacone che guarda alla imminente esposizione allestita dalla Soprintendenza soprattutto come evento in grado di generare un ritorno di immagine per Venafro e creare un importante flusso turistico.........

CAMPOBASSO Amici della musica Walter de Angelis. Al via la seconda parte della Stagione Concertistica dell’Associazione Amici della Musica Walter De Angelis di Campobasso con il concerto del Quartetto Savinio e del pianista Mario Montore. L’appuntamento è per sabato 21 gennaio alle 18.30 presso il Teatro Savoia di Campobasso..........

TERMOLI  Dal pennello alla fotografia. Ha cominciato con le riproduzioni di quadri famosi, passando le sue ore dietro al cavalletto. Da sempre con la fissa degli occhi”, attualmente corre di qua e di là cercando di fermare il tempo e immortalare sulla pellicola fotografica una immagine “sperando che chi la guarda possa avere la stessa sensazione che ho avuto io nel catturarla”. Il tutto a soli 23 anni.  Una passione, quella per l’arte, che è nata fin da piccola per Nunzia Serrecchia.Vivo a Termoli e ho frequentato il Liceo Artistico e qui ho potuto cominciare a coltivare il mio amore per l’arte”. Un amore che l’ha portata a esercitarsi sempre di più “facendo ritratti su commissione. E per la serie ‘piccoli artisti crescono’ Nunzia si racconta a Juicemagazine. Mano a mano – racconta  le mie opere presero la piega dell’astrattismo. Fissata con la parte secondo me più bella del corpo umano, gli occhi, divennero una vera e propria passione. Una passione che mi porto dietro ancora adesso......

CAMPOBASSO  Il nuovo libro del filosofo del pop Caludio Sottocornola. Sabato 21 gennaio 2012, alla sala AXA di Palladino Company (Via Colle delle Api, 170), a Campobasso, un appuntamento speciale con una delle personalità più poliedriche e "irregolari" della cultura italiana degli ultimi anni: Claudio Sottocornola. Docente di filosofia, artista grafico, interprete, poeta e saggista, Claudio Sottocornola (1959) è una delle personalità più poliedriche e "irregolari" della cultura italiana degli ultimi anni.

RICCIA Il paesaggio sonoro della leggera contadina di Riccia. CIRCOLO GIANNI BOSIO.......Via di Sant’Ambrogio 4 – II° piano -(Portico d’Ottavia) Roma. // Venerdì 20 Gennaio 2012 – ORE 21.00 // Presentazione del libro + 2 cd di Antonio Fanelli e Giuseppe Moffa // Acque e jerve in comune”. Il paesaggio sonoro della Leggera contadina di Riccia” Nota, Udine, 2011 //  Con gli autori ne parleranno:  SANDRO PORTELLI (Circolo Gianni Bosio) e SERENA FACCI (Università di Roma “Tor Vergata”).  // .ORE 22.00.........CONCERTO DI GIUSEPPE “SPEDINO” MOFFA // Dai materiali della ricerca sul campo un viaggio musicale attarverso il repertorio dei cantastorie di Riccia e del Fortore Molisano........

CAMPOBASSO  Un libro di Alfredo Carosella. Venerdì 20 gennaio (oggi), alle ore 17:30, nella Biblioteca Comunale Michele Romano”, sarà presentato il libro «Sono nato quando mi hai preso in braccio», scritto da Alfredo Carosella. Interverranno il sociologo e scrittore Antonio Grano e l’attore Flavio Brunetti che leggerà alcuni brani dell’opera. Condurrà la serata culturale il giornalista Mauro Gioielli. Il volume di Carosella racconta, in chiave autobiografica, le difficoltà che una coppia incontra quando decide d’adottare un bambino. «È una storia vera – dichiara l’autore -. È un tuffo nell’amore, un riflettore acceso su un mondo che non sa o non vuole rispondere alle richieste degli ultimi».

PORTOCANNONE Costanzo del Pinto trionfa in Russia.  l’Italia trionfa in Russia con la voce di Costanzo Del Pinto, 19enne di origini molisane, che ha sbaragliato gli avversari con un timbro rock che è sintesi incredibile tra Bon Jovi e Steven Tyler. L’Expectations of Europe è il Festival Internazionale dei nuovi talenti di Sochi, località russa sul Mar Nero dove si scontrano le promesse canore del vecchio continente in una kermesse seguita in tv da milioni di telespettatori. Una vetrina importantissima per il giovane Costanzo scoperto da un talent scout come Antonello Carozza, già protagonista della trasmissione “Amici” con Maria De Filippi, e una partecipazione di successo tra le voci giovani di Sanremo insieme ad un musicista di fama mondiale che è Simone Sala, di Bojano, che ha dato vita alla Music Accademy Italy ......

BOIANO  Presentazione stagione teatrale. Il 22 Gennaio avrà inizio la seconda stagione teatrale presso il Teatro Comunale di Bojano.
Il cartellone che la Compagnia Stabile del Molise, in collaborazione con l’Ammnistrazione Comunale, ha elaborato, prevede i seguenti spettacoli:  Domenica 22 Gennaio ore 19: L’AMMAZZO COL GAS esilarante commedia della coppia D’Alessandro-Maria Lauria (i Picari). Il prolifico autore-attore Roberto D’Alessandro utilizza una delicata satira sociale proponendo una serie di casistiche appartenenti alla quotidiana vita di coppia e mostra le pericolose insidie nascoste dietro ad un matrimonio che spesso diventano anche casi di cronaca.......ecc.......

MOLISE Il Circolo Vizioso della Farfalla.

Hanno una carriera lunga e alcuni dei componenti sono anche maestri e insegnanti di musica, stiamo parlando del “Circolo Vizioso della Farfalla”, il più conosciuto e seguito gruppo di musica ska molisano. Questo gruppo ha partecipato a numerosi contest musicali nazionali risultando vincitori, come nel concorso di Arezzo wave. Il loro sound è caratterizzato da forti influenze jazz e rock con un connubio di suoni e parole che creano un’alchimia unica col pubblico.  Dunque sette musicisti, sette come i vizi capitali, oppure sette come le virtù e le arti liberali, un gruppo abbastanza variegato e poliedrico ove convivono e si condividono il piacere per la buona musica, quella musica fatta di studio dedizione e sperimentazione. ......

GUGLIONESI Incontro con la compagnia Teatrale Menoventi. Lunedì 16 gennaio, alle ore 19.30, presso lo Stroszek Spazio di Santa Croce di Magliano, sede di Abraxas Lab, la scuola interculturale di Pratiche Teatrali diretta dal regista Nicola Macolino, si svolgerà l’incontro con la compagnia teatrale Menoventi che, il giorno successivo, andrà in scena al Teatro Fulvio di Guglionesi con due spettacoli: Invisibilmente ed In festa.

CAMPOBASSO  BaG Produzioni Cinematografiche. Il cinema del Molise. L’emigrazione artistica non sempre corrisponde alla tendenza di massa. Mentre Barbara Petti è stata ammessa alla Scuola di cinematografia in Roma, in Molise nasce la “BaG produzioni cinematografiche”, che però, per non smentire del tutto l’aridità culturale molisana, ha una doppia sede, a Campobasso e a Roma. Messa su da quattro giovani molisani, dagli attori Simone Vaio e Diego Florio, dal regista Antonio D’Aquila e da Luigi De Lisio, la BaG ha all’attivo cinque produzioni. La giovane attività (il loro primo spot è di 7 mesi fa) li sta facendo maturare artisticamente e il loro lavoro va certamente supportato da coloro che ne fanno uso. ........

ISERNIA   Mostra d`arte contemporanea presso il foyer del nuovo Auditorium  La giunta comunale, tramite il direttore del Museo d`Arte Contemporanea di Isernia (MACI), Pietro Campellone, intende allestire una mostra d`arte contemporanea presso il foyer del nuovo Audi..........

CAMPOBASSO Chiara Izzi consacrata a Montreaux.

Benedetta da Quincy Jones, rimandata da Morandi. Chiara Izzi, da Campobasso. Occhi grandi, voce di più. Pochi mesi dalla standing ovation per il primo premio al Montreaux Jazz Contest e la curiosità di esplorare il pop che da gioco, un po’ per gioco, s’è fatta coraggio. «Canto il jazz perché m’hanno detto che mi viene bene, ma non sono allergica alla leggera», diceva qualche mese fa dopo essere salita sul gradino più alto del festival jazz per artisti emergenti tra i più blasonati del pianeta. Una cultura classica, gli studi a pianoforte da bambina e un maestro della scuola Thelonious Monk di Campobasso che per caso scopre la sua voce. «Tu devi cantare, lascia stare il pianoforte», se lo è sentito dire ogni giorno quando sulla qualità della sua voce non avrebbe scommesso nemmeno lei. 

TERMOLI La festa di San Sbastiano per le vie di Termoli.  Hanno ripercorso le note della tradizione, cantando e suonando il San Sebastiano lungo le vie principali della città e portando con sé il ricordo di un amico, Nicola. Il gruppo amatoriale "A’ Sartagne" è partito da Difesa Grande, concludendo il proprio tour in centro. Una folla di persone si è radunata per applaudire la tradizionale performance che nel cuore della serata di giovedì 19 gennaio hanno animato un pezzo della storia termolese. ..........

 

 

ARTISTI DEL BASSO MOLISE

 WE ARE BLUE: Nove artisti, tutti del Basso Molise. I Colori dell'Arte:Flora REALE

e Michele DE FILIPPO Le loro opere si caratterizzano per l' accostamento di stili

figurativi diversi e complementari.


 

 

 

La «Pietra della Vergogna» nella tradizione popolare abruzzese

di Franco Cercone dallo Scaffale d'Abruzzo

Quando a Roccaraso e Pescocostanzo si vuol sottolineare che una certa persona versa in cattive condizioni economiche, si dice ancora oggi che essa ha misse lu cule a lu tùmmere (ha messo il sedere sul tomolo). La parola dialettale tùmmere deriva da tomolo ed indica non solo una misura agraria di superficie, corrispondente a mq. 2.700, ma anche – ed è ciò che in tale sede interessa — una misura di capacità per cereali, soprattutto grano, equivalente a circa  44 kg.

Lu tùmmere era di pietra e la sua forma ricorda quella di alcuni antichi mortai dove si tritavano sale e spezie, e che oggi sono assai ricercati per l'arredamento di ambienti rustici o per utilizzarli come soprammobile negli appartamenti moderni. A Roccaraso ed in altri centri abruzzesi – vedremo in seguito quali – esisteva una specie di tùmmere pubblico nel quale veniva misurata la quantità di cereali data in prestito e che all'atto della restituzione doveva essere ancora misurata nello stesso contenitore, con l’aggiunta di una certa quantità dello stesso cereale come interesse. La funzione di questo recipiente era probabilmente quella di costituire un punto fisso di riferimento in una economia regolata spesso dal baratto, ovviando così ai mutevoli regolamenti nell'ambito della compravendita ed al deprezzamento della moneta. Non sempre però chi aveva preso in prestito una certa quantità di cereali, misurata al tùmmere, era in grado di poterla restituire, soprattutto in seguito alla devastazione del raccolto da parte degli agenti atmosferici oppure a causa della siccità. Il creditore aveva allora due possibilità per rifarsi del danno subito: adire le vie normali della giustizia oppure vendicarsi in un modo alquanto singolare. Egli infatti, nel giorno e nell'ora comunicati in precedenza al debitore, costringeva quest'ultimo a recarsi nel luogo dove era situato il tùmmere ed a restarvi seduto per un certo tempo con il sedere completamente nudo, esposto così ai motti pungenti o alla commiserazione dei passanti.

Lu tùmmere di Roccaraso è andato distrutto in seguito ai tristi eventi dell'ultimo conflitto mondiale, che ha causato la rovina completa dell'antico centro storico sottoposto a continui bombardamenti.  Tuttavia un esempio di tùmmere ben conservato e forse simile a quello di Roccaraso si ammira ancora oggi a Pacentro (AQ), in via Madonna delle Grazie (Fig. 1). L'imboccatura, come si vede nella foto, è stata turata di recente per impedire che l'acqua vi ristagnasse e gelando d'inverno provocasse danni irreparabili all'importante reperto. In altri paesi si rinviene al posto del tùmmere  una semplice pietra, detta appunto pietra della gogna o della vergogna, un monolito squadrato di cui sopravvivono esempi a Pescocostanzo e Castilenti (TÈ).A Pescocostanzo la pietra della vergogna è situata ai piedi della scalinata della chiesa di Santa Maria del Colle e nel 1966 la Pro Loco ha fatto rivivere ai divertiti turisti la scena del tùmmere, che nella tradizione locale presenta varianti degne di nota. Qui infatti, chi aveva molti debiti e non poteva pagarli, si recava alla messa grande celebrata di domenica nella suddetta chiesa e dopo la benedizione scendeva frettolosamente per la scalinata, ai cui piedi è situato come si è detto il tùmmere, e calatosi i pantaloni vi restava seduto fino a quando l'ultimo fedele non avesse abbandonato la chiesa. Egli si esponeva pertanto volontariamente alla gogna ma da quel momento non aveva più debiti. Infatti i creditori, per antica consuetudine, non potevano più perseguirlo legalmente e né è mai avvenuto che qualche povero diavolo, dopo essersi seduto sul tùmmere, abbia ricevuto ancora pressioni da parte dei creditori: una specie di codice d'onore, dunque, rispettato da entrambe le parti.

Con il trascorrere del tempo la pena infamante del tùmmere dovette essere estesa forse ad una serie di altri reati, dato che, scrive il Gattinara: «A Pescocostanzo, scoperto il ladro di abigeato, si portava in pubblica piazza e, dopo un giudizio sommario, alla presenza di tutto il popolo convocato per tale occasione, si condannava al disprezzo ed alla fustigazione. Poggiato ad uno sgabello in pietra, doveva mostrare il deretano al popolo scoprendosi tra le risate e il disprezzo di tutti; e quindi veniva scudisciato».   Una ulteriore variante a quanto finora si è detto, è rappresentata dal tùmmere di Castilenti, in provincia di Teramo, sul quale ha scritto una gustosa pagina Luigi Braccili: «A Castilenti, un paesino della provincia di Teramo [...] esiste ancora oggi una grossa pietra di forma parallelepipeda chiamata  tomolo. Oggi la pietra si trova ai piedi di un grosso olmo all'inizio di un viale della circonvallazione del paese, ma un tempo invece era sistemata nella piazzetta al termine di un piano inclinato che porta alla chiesa madre. Lu tòmmele, così infatti viene ancora chiamata la grossa pietra, serviva per farvi sedere quelli che subivano un fallimento. Era in un certo senso una specie di gogna, un mezzo ingeneroso per esporre al ludibrio coloro che non avevano saputo tener fede agli impegni finanziari».Ancora oggi nella zona della Vallata del Fino di uno che è incorso in un fallimento si dice: «Quello ha messo  il culo a lu ... tòmmole». Infatti il tomolo serviva ad un rito assai strano, oggi per fortuna in disuso, che metteva in ridicolo chi appunto doveva dichiarare fallimento. Il rito avveniva nella piazza principale del paese all'uscita della messa grande, all'incirca verso le undici e mezzadella domenica a al cospetto di quasi tutta la popolazione di Castilenti. Il povero fallito doveva denudarsi il deretano ... e sedersi più volte sul tomolo gridando ogni volta che si sedeva sulla pietra: tommolo è uno, tommolo è due, tommolo è tre, ecc.  Naturalmente il numero delle sedute dipendeva dall'entità del fallimento. [...] Per i commercianti della Vallata del Fino essersi seduti sul tomolo significava aver subito il marchio dell'infamia e difficilmente dopo aver partecipato da protagonisti all'infamante rito sulla piazza di Castilenti, riuscivano a riprendersi negli affari. Quando il rito fu proibito, il tomolo fu tolto dalla piazza principale del paese e fu collocato alla periferia come per dimostrare a tutti che la civiltà aveva giustamente epurato una usanza che era medioevale ... Nessuno però ha avuto il coraggio di toccare il tomolo. Ancora oggi se qualche ignaro ragazzo vi si va a sedere sopra, subito viene richiamato a gran voce dalla madre come se si fosse seduto sui carboni accesi. Nessuno si siede sul tomolo, che rimane sempre lì come uno strano tabù.Questa antica tradizione giuridica vigeva secondo alcuni autori anche a Vasto ( dove esiste tuttora la Piazzetta del tomolo) ed a Ortona, dove come tummere venivano utilizzati dei recipienti fittili del periodo romano, adibiti a misure pubbliche per cereali e sistemati poi all’ingresso di Palazzo Farnese.


Anche a Sulmona «nella piazzetta denominata Nunzio Federico Faraglia [...] che prima ancora aveva nome di Piazza del Pesce, vi era una grossa e spessa lastra di pietra chiamata le staffe. In tempi antichi, forse nel sec. XVI, i debitori cocciuti erano costretti a battere tre volte il denudato deretano su quella pietra». Così afferma lo storico sulmonese F. Sardi de Letto, il quale aggiunge che nella costruzione della monumentale fontana sita a Sulmona in Piazza Garibaldi «quella pietra levigata servì precisamente a farne il bacino». Lu tùmmere rappresentava una consuetudine giuridica popolare assai conosciuta in Abruzzo e forse ancora in vigore nel XVII secolo. Se fosse ancora oggi vigente, essa aprirebbe numerosi squarci sulla vita sociale dei nostri paesi e città, grazie appunto ai ‘falsi fallimenti’ messi in atto oggi da numerosi commercianti. Vedremmo così file interminabili di individui che leggendo tranquillamente il giornale attendono il loro turno per sedersi sul tummere e dichiarare il loro ben calcolato fallimento. D’altro canto, quale funzione dovrebbe avere oggi una pietra della vergogna, in una società che ha perso da tempo la vergogna
di Franco Cercone

    SOCIETÀ  //  CULTURA

 

I “forconi” in Abruzzo Arriva anche in Abruzzo il movimento dei forconi, conosciuti come “Forza D'Urto”- la protesta del movimento è nata in Sicilia con l'iniziale partecipazione degli autotrasportatori del luogo. Da quanto si apprende dal web e dalla pagina Facebook, ...

Corruzione in Regione Abruzzo: perquisizioni a Pescara e negli ... E dalle carte in effetti sarebbero spuntati altri due lavori da ben sei milioni di euro affidati dalla Regione Abruzzo a società riconducibili a Gruttadauria. Il primo appalto da ben 5 milioni di euro, è stato nel 2008 ad un ati di cui fa parte la ...

Cospa Abruzzo, "movimento forconi": mobilitazione pronta / Attualità ... Il Cospa Abruzzo rende noto che «è pronto a mobilitarsi anche nella sua regione per dare forza al “movimento dei forconi”, un movimento ...

Crisi economica: la Uil propone un decalogo di cose concrete da fare La sessione di giovedì 19 gennaio 2012 della Consulta del Patto per lo Sviluppo dell'Abruzzo ha discusso prevalentemente delle scelte da fare per l'allocazione di 27 milioni derivanti da residui Fesr, Fse e Fondo Unico Attività Produttive e sul nuovo ...

Corruzione in Regione Abruzzo: ''Senza complicità dei funzionari ...  Ferma restando la presunzione d'innocenza delle persone coinvolte, pesano come pietre le parole del gip Marco Billi, a commento dell'inchiesta Caligola che ha prodotto 7 arresti e altri 4 indagati, e coinvolto volti noti della politica abruzzese ...

In Abruzzo gli hotel meno costosi in Italia L'Abruzzo, che con 90 euro a notte si conferma la regione italiana piú economica. Questo si evince dall'ultimo studio del motore di ricerca hotel che ha analizzato i dati del tHPI dell'anno appena concluso. Chiudono la top five altre due

Vasto, mostra in onore di Giuseppe Scalarini, vignettista esiliato ...La città di Vasto ricorda il vignettista Giuseppe Scalarini confinato politico nella città abruzzese nel 1940. Sabato 21 gennaio alle ore 17.30 nei saloni della Pinacoteca di Palazzo D'Avalos si terrà la mostra “Una matita alla dinamite”. ..

Abruzzo, ok alle liberalizzazioni orari Abruzzo. E' partita la liberalizzazione sugli orari degli esercizi commerciali: nel decreto “salva-Italia” del governo Monti, infatti, è previsto che a partire dal 2 gennaio tutti gli enti locali avranno tempo 90 giorni per adeguare i propri ...

Pescara, Abruzzo e rom al centro di un convegno. «più integrazione» In Abruzzo e Molise dove la minoranza è presente, secondo le associazioni organizzatrici, «non è mai stata attivata una programmazione politica di integrazione culturale. L'indifferenza politica, la generalizzazione ed estremizzazione del disagio......

PARI OPPORTUNITA':CARPINETA,OCCORRE CAMBIAMENTO CULTURALE Dal canto suo l'assessore alle Pari Opportunità, Federica Carpineta, ha ricordato come "in Abruzzo ci siano autorevoli esempi di donne che occupano ruoli di vertice nei vari settori dell'economia a differenza di quanto accade in politica e nelle ...

Abruzzo Sociale: Cisl, anziani risorsa ma potenziare servizi Solo l'aumento del carburante incidera' sulle famiglie italiane ed abruzzesi per un importo pari a 150 euro l'anno''. Lo sostiene il Segretario generale Pensionati Cisl Abruzzo, Lucio De Mattheis, che aggiunge: ''Oggi, piu' che mai, c'e' assoluto ...

Ecco chi sono i 'forconi' abruzzesi. Tir ai caselli: «Da qui non ... Ecco come vivono i 'forconi' abruzzesi. Sono agguerriti perché stanchi. La sensazione è che non abbiano più niente da perdere. Da ieri sera il movimento dei forconi è 'sbarcato' anche in Abruzzo. Gli autotrasportatori che dal sud erano diretti al nord, ...

per il Parco Nazionale della Costa Teatina. Via libera ai petrolieri  18 gennaio 2012 - Maria Rita D’Orsogna Insieme alla Costituente chiederà al Ministro Clini di concludere la perimetrazione del Parco della Costa Teatina. La scienziata Maria Rita D'Orsogna domani in audizione alla Commissione Ambiente e Industria del Senato, cercherà di denunciare le incomprensibili agevolazioni, tra incentivi e royalty, che vengono garantite in Italia per una industria altamente impattante, quale quella petrolifera. Un petrolio e un gas di qualità scadente, le cui quantità sono irrisorie, che scaricano gli innumerevoli e costosissimi impatti ambientali, propri di questa industria, su tutta la collettività e sulle generazioni future. 

La tradizione del Sant'Antonio A gennaio si rinnova la tradizione di Sant'Antonio con le rappresentazioni teatrali di strada ed i fasci di canne incendiate per il santo eremita. A partire da domenica 15 gennaio, su tutto il territorio pedemontano della Majella prende vita una delle manifestazioni più sentite della tradizione popolare abruzzese. Insomma il Sant'Antonio appartiene a una grande comunità che in fondo è  quella abruzzese. In questi giorni i paesi che si adagiano ai piedi della Majella vedono arrivare numerosi visitatori e curiosi proprio dai centri urbani più grandi, sempre alla ricerda di ciò che genuinamente porta allegria e divertimento......

Pulcinella in salsa abruzzese al teatro Marrucino Il secondo spettacolo del cartellone di Teatro Ragazzi è affidato alla storia di “Pulginella”, cugino d'Abruzzo della maschera napoletana in un allestimento di Stefano Angelucci Marino e Rossella Gesini. In scena domenica 29 gennaio alle 17 Dopo il ...

 


 Proverbi, Modi di dire e Cantilene Abruzzesi

di.Giuseppe di Filippo

 

Francavilla al Mare, 22 gennaio 2012 - Oggi pomeriggio alle ore 17, ci sarà una riunione aperta a tutti dell’associazione Fotografacendo”, che si terrà presso la “Casetta” di Pretaro, in via Cesare De Lollis a Francavilla al Mare. L’associazione culturale “Fotografacendo” nasce con lo scopo di promuovere, senza scopo di lucro, la cultura, la tecnica ed il linguaggio fotografico mediante lo svolgimento di attività, la partecipazione e l’organizzazione di incontri, manifestazioni, mostre, proiezioni, convegni, concorsi fotografici, corsi, seminari, percorsi formativi ...........

Internet, un mondo virtuale con pericoli reali Avezzano, 21 gennaio 2012 - Full-immersion nel mondo del web, “territorio” virtuale con pericoli reali: lunedì 23 gennaio, a partire dalle 8.45, al Teatro dei Marsi, è in agenda il convegno sul progetto “Internettando… Verso una pedagogia del web” elaborato dall’Osservatorio della scuola e dell’Università dell’associazione per la tutele dei diritti civili “Credici” con il patrocinio di Comune, Regione, Provincia e Ufficio scolastico regionale, che vedrà la partecipazione di Universitari, Pedagogisti, Psicologi, Criminologi, rappresentanti della Polizia postale e della Guardia di Finanza, dirigenti scolastici da tutto l’Abruzzo,  giornalisti e centinaia di studenti da tutto l’Abruzzo........

Joy Garrison & Marco Di Battista Quartet. Vocal Experience

20 gennaio 2012 - Sabato 21 gennaio 2012, alle 18, Joy Garrison e il Marco Di Battista Quartet si esibiranno alla Maison des Arts di Pescara, nell'ambito della rassegna Sabato in Concerto Jazz 2011/12, organizzata dalla Fondazione Pescarabruzzo. Il concerto è ad ingresso libero.

IX Edizione di Musica ed Arte

21 gennaio 2012 - A  Giulianova, venerdì 27 gennaio 2012 alle ore 17.00, quarto incontro della IX Edizione di Musica ed Arte alla Sala Trevisan organizzata dal Centro culturale San Francesco della Piccola Opera Charitas con il sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio della Provincia di Teramo.....

 


 

                                                               

Memorie del Futuro

La cenere dei fumi di Auschwitz

così bianca e viola infine rossa

batte batte dentro al cuore come

blatta che non volerà rimarrà

 

a rodere tra questi ruderi nutrirà

il nostro sangue nero sconfinato

insaziabile non si fermerà vorrà

sfamarsi di ogni sangue e vittima

 

Milanocosa

                                                         

 

diventata cenere deporla

nelle mani di Cerere a farne

messi di una Terra non più

prona a poteri e follie di ieri e

 

di oggi che sappia pesare

sulla stessa bilancia ogni

grammo di carne umana

rossa poi viola infine bianca

 

Adam Vaccaro

                                               

 

offerta al dio di tutti

i popoli di tutte le terre

ricche povere e senza

privilegi né figli prediletti

 

di una Terra non più

crocifissa da confini e

tavole imbandite da eletti

assediate da cumuli di blatte

 

affamate impazzite –

se questo è un uomo

 2009

                                                                                                                                                                                                                                    

.......''Adam Vaccaro è un poeta che ha fatto della coerenza un proprio segno distintivo: operando concretamente nel tentativo, spesso riuscito, di creare una rete di voci e testimonianze a favore della pace, della giustizia, della necessità di dare un ruolo alla poesia nell'ambito di ciò che agisce sulla vita, sulla dignità dell'esistenza umana. Tale coerenza e nitidezza fanno sì che anche il suo grido contro la guerra, anzi contro le guerre e le violenze di tutti i tempi, meriti ascolto........ Al di là dei riferimenti specifici resta la sostanza profonda di una richiesta più che mai vitale di dialogo, di pace, di una pace giusta ed equa. Con la speranza che, accanto ai significativi gesti concreti contro la tortura, sia concesso a chi può di agire concretamente anche a favore della pace e di una vita vivibile e umana per tutti''... I. M. (Testi di Adam Vaccaro) .

 

********

 

 

                                                                                                                                                                             

 L'Italia e gl' Italiani

 

 

Come superare la crisi economica dal sito Brag Family's Blog

E' parecchio che non scrivo più di politica ed economia e così, passato qualche anno dall' ultima volta, sento il bisogno di rendere pubbliche alcune idee che ripeto da anni (a dire il vero l'ho già fatto su Twitter)  L'argomento è molto vasto e se si comincia anche a parlare delle implicazioni internazionali (come fanno quasi tutti gli esperti che intervengono nei talk show) non se ne esce più fuori, per cui mi limiterò ad illustrare quelli che secondo me sono i 5 settori dove vanno concentrati gli interventi per rilanciare l'economia dell'Italia:

1 burocrazia  //  2 lotta all'evasione fiscale  //  3 infrastrutture  //
4 innovazione  //  5 concorrenza

Sono solo 5 interventi e sembrano semplici, quasi scontati; infatti se ne parla da tanti anni, ma mai nessun Governo è riuscito a farli!
Leggendoli velocemente sembra anche che poco hanno a che fare con i problemi dell'economia italiana, ma con questo breve scritto cercherò di spiegare perché a mio parere sono i cardini dell'unica riforma in grado di rilanciare l'economia.

La situazione attuale   L'economia è ferma! Si sono susseguite numerose manovre (fatte da Governi politicamente diversi) che hanno appesantito enormemente il carico fiscale riducendo progressivamente la capacità di spesa dei cittadini. La riduzione dei consumi, congiuntamente ad una non competitività dei prodotti, ha causato la chiusura di numerose industrie con una impennata della disoccupazione.

Infrastrutture inadeguate  Evasione fiscale diffusa, emigrazione delle persone capaci hanno ulteriormente aggravato la situazione di una Società italiana vecchia, basata solo sul nepotismo (no meritocrazia), ed incapace di trasformarsi!
Il colpo di grazia è arrivato dalle ultime scelte governative che hanno provocato un aumento dei prezzi con inevitabile innesco della spirale inflazionistica.

Che fare?   Qualcuno ha detto: chiamiamo i Bocconiani! 
Altri hanno affermato: ma i Bocconiani "banchieri" sono quelli che hanno provocato la crisi! 
Tutto vero, o tutto falso: è però evidente che le manovre "lacrime e sangue" ed il cambio del Governo non hanno minimamente influito sull'andamento economico, anzi!  Perché? . . .  si chiedono tutti!   Il perché è semplice: NON è stata fatta alcuna riforma strutturale e le azion intraprese hanno aggravato ancora di più la situazione provocando una crisi economica ancora più profonda!  Per risolvere questa grave situazione a mio parere servono azioni coordinate, serve un profondo cambiamento della società, e quindi serve parecchio tempo! Serve soprattutto una riforma dello Stato e delle sue regole che attualmente bloccano tutte le iniziative lodevoli impedendo qualsiasi rinnovamento.

Burocrazia    È aumentata in maniera esponenziale negli ultimi 20 anni.
Ormai non si riesce più a fare nulla; per qualsiasi pratica sono necessari bolli, deleghe, certificazioni, perizie; un iter impossibile che scoraggia chiunque e favorisce la corruzione!
La informatizzazione è inesistente, e quel poco che è stato fatto è servito solo per foraggiare i soliti "amici degli amici" che si sono arricchiti con forniture di materiale obsoleto!

Lotta all'evasione fiscale  Se ne parla da anni; tutti i governi assicurano che verranno presi provvedimenti drastici, ma poi non fanno mai nulla!
Inasprire le pene serve a poco: a mio parere l'unica strada percorribile è quella di controllare i consumi (il tenore di vita per capirci) mediante un sistema informatico che in automatico metta a confronto tutti i dati disponibili.
Oppure rendere detraibili le spese.
Insomma, le strade sono diverse, e siccome in tanti altri paesi l'evasione fiscale è a livelli minimi basterebbe copiare!

Infrastrutture  Basta prendere un treno, un aereo, una nave o percorrere qualche centinaio di chilometri in macchina per rendersi conto dello stato in cui versano le infrastrutture italiane! Per quanto riguarda le linee telefoniche meglio non parlarne: è sufficiente utilizzare internet per comprendere in che stato versano!

Innovazione  In Italia non si fa più ricerca, non si studia!  I "cervelli" migliori giustamente emigrano perché non vogliono sottostare ad anni ed anni di sfruttamento.  E' impensabile contrastare i paesi emergenti in campi dove viene impiegata una tecnologia non avanzata, ed infatti interi settori produttivi che non sono stati capaci di rinnovarsi sono entrati in una crisi profonda o hanno già chiuso (elettrodomestici, tessile, ad esempio).

Concorrenza  In Italia non c'è! Manca innanzitutto una authority che controlli i cartelli (ci sono stati casi nel settore dei combustibili, delle assicurazioni e persino della pasta), e poi ci sono decine di categorie che mantengono ben saldi i loro privilegi impedendo così l'entrata di nuovi concorrenti. Questo Governo ci riuscirà? Non lo so, dipende dalla volontà dei partiti che lo sostengono!
 

                                                                                                                                        

Criisi economica italiana

La verità sulla salute finanziaria degli Stati Europei

Crisi: Italia in recessione nel 2012 e 2013, Fmi vede nero E andando sempre più verso gli abissi, troviamo l'Italia, per la quale le previsioni dell'Fmi sono a dir poco agghiaccianti. Se il pil era già previsto in calo dal governo per lo 0,5%, ...

La Bce annuncia rischi di ribasso nell'area euro. FMI: in Italia ...E di crisi economica globale si sta parlando in queste ore anche in Messico, dove si sono riuniti i vice-ministri finanziari del G20. Il servizio è di Francesca Ambrogetti. Il Fondo Monetario Internazionale ha peggiorato, dunque,

Montaldo racconta la crisi italiana | Left
Montaldo racconta la crisi italiana ... Ci avevano colpiti i primi segnali della crisi economica dell'Italia e soprattutto le tante storie di piccoli imprenditori, operai ...

Crisi Economica 2012, in Italia 8 milioni di poveri | F&P NEWS
Crisi Economica 2012,in Italia 8 milioni di poveri. posted in ARTICOLI. I problemi che affliggono l'Italia: miseria, fallimenti, pignoramenti, vecchiaia e ...

Crisi economica globale : cause ed effetti
Profondo rosso per l'economia italiana nel prossimo biennio. Sullo sfondo una ripresa globale in stallo, frenata soprattutto dalla crisi di Eurolandia, l'Italia si ...

Crisi economica: aumentano i fallimenti delle aziende in Italia
La crisi economica morde e porta sempre più aziende al fallimento. Nel 2011 sono aumentati del 7,4 per cento raggiungendo quota 12.094, una cifra record dalla riforma della normativa fallimentare. A fornire i dati è l'istituto Cerved, numeri dai quali ...


 

 

    

  ISTITUTI ITALIANI DI CULTURA NEL MONDO

 

LA COMUNITÀ ITALIANA DI MONTREAL SU AMICOMOL

 

LA CULTURA ITALIANA AL SERVIZIO DELL' EMIGRATO

 

 
 
  Find Your Bliss at GreatPleasures