FORLI DEL SANNIO

 

Il Comune di Forlì  vanta origini molto anteriori all’anno mille a giudicare dalla lapide romana rinvenuta nel suo agro che attesta la presenza di una popolazione civile nel paese fin da tempi molto remoti. Nei registri dell’epoca angioina il feudo è menzionato con il nome di “Forolum” che probabilmente sta a significare “forum” (luogo di parlamento pubblico o di mercato). Ovviamente i mutamenti che le parole nel corso dei secoli subiscono per bocca dei parlanti hanno determinato l’odierna dicitura di “Forlì”.

Beaches Resorts -- The Ultimate All-Inclusive Cari



Al tempo dei longobardi il paese di Forlì del Sannio faceva parte della Contea d’Isernia, mentre nel periodo di dominazione normanna fu feudo dell’abbazia di San Vincenzo al Volturno. In prosieguo passò nelle mani della famiglia Borrello, che probabilmente ne detenne il possesso per tutto il periodo svevo.

New Rand McNally GPS Navigator


Ai primordi della monarchia angioina Forlì del Sannio ebbe come titolare Ugone Brancia. Al dominio dei Brancia successe quello dei Cornay, infatti dalle testimonianze pervenute agli storici risulta che il paese nel 1307 era già da tempo sotto il dominio di Pietro de Cornay, consorte di Giovanna d’Isernia. Nel 1352 una figlia di Giovanna d’Isernia sposò Andrea Carafa e ricevette in dote il feudo di Forlì del Sannio. La signoria dei Carafa sul feudo di Forlì si estinse verso la seconda metà del ‘600, quando il feudo venne messo all’asta e acquistato da Carlo Pandone.

 

A Carlo successe il figlio Giovanni, che nel 1689 vendette il feudo ad Ippolito Maria Muscetta; costui tre anni più tardi cedette il feudo ad Antonio Carafa, duca di Traetto. Il paese rimase nelle mani della famiglia Carafa fino alla definitiva scomparsa del sistema feudale. Il Comune di Forlì è stato nei secoli (e certamente dal 1320 al 1415) frazione della regione Abruzzo situata di fronte ai confini del vecchio Contado del Molise. Nel 1807 il paese venne iscritto al Distretto di Sulmona ed al Governo di Castel di Sangro, ma nel 1811 fu aggregato alla Provincia del Molise, nel Distretto d’Isernia e nel Circondario di Rionero. Per la legge del 1 Maggio 1816 il paese di Forlì del Sannio venne innalzato a capoluogo di Circondario comprensivo di Acquaviva d’Isernia, Montenero Valcocchiara, Rionero e Roccasicura.


Forlì del Sannio appartiene alla diocesi d’Isernia e consta di una sola parrocchia intitolata a S. Biagio Vescovo e Martire. Tra le principali opere artistiche devono essere citate: la chiesa di S. Biagio, la quale fungeva una volta da parrocchiale e di cui si ignora la data di fondazione. E’ stata più volte restaurata, in special modo negli anni 1630, 1715 e 1744; è divisa in tre navate e contiene sette altari. Altro importante edificio del paese è la chiesa di S. Maria delle Grazie. Quest’ultima forma un solo complesso architettonico con l’omonimo Convento dei frati Minori, costruito nel 1740 e soppresso definitivamente nel 1867. La chiesa è ad una sola navata e presenta cinque altari; venne restaurata nel 1915. Infine occorre citare le due cappelle di SS. Sacramenti e Beata Vergine della Pieta’.


Il 3 febbraio, in occasione della celebrazione del Santo Patrono, San Biagio, si tiene in paese una fiera dedicata una volta quasi esclusivamente agli animali. Altre fiere vengono organizzate il 9 marzo e l' 8 maggio. Tra settembre e ottobre si svolgeva con cadenza fissa la "sagra dell’uva", nel corso della quale sfilavano gioiose composizioni allegoriche unite a qualche assaggio della cucina locale. Ora è nel mese di agosto che il Paese si ravviva grazie all' afflusso di molte persone che ritornano sia dall' estero che da molti paesi dell' Italia.
(N. Paone)


Largest Selection of Name Brand Plus Size Bras

Comune di Forli Del Sannio 
Codice guidanatura: 2698
Stato: Italia Targa: IS 
Regione:
 
Molise.
Provincia di: Isernia.
CAP e ufficio postale: 86084 

 

CHIESE

CURIOSITÀ

GENEALOGIA

METEO A FORLI SANNIO

 

Ascoltate musica classica e italiana su internet (franco)

 

 

 


 

 

Links su Forli del Sannio

 

http://www.forlidelsannio.net/

http://www.pagus.it/comuni/forli/

http://www.comuni-italiani.it/094/020/

http://www.cubocasa.it/forli-del-sannio.html

http://www.forlidelsannio.net/fotogallery.htm

http://www.touristmolise.com/italiano/index.asp

http://www.molisecitta.it/comuni/forlidelsannio.html

http://www.comuni-italiani.it/094/020/siti/index.html

http://it.wikipedia.org/wiki/Forl%C3%AC_del_Sannio

http://www.italiacase.it/isernia/case/forli__del_sannio.phtml

http://www.ilforestale.org/cgi-bin/cm/cerca.cgi?dove=Molise

http://www.regionemolise.com/Comuni_online/provis/forli.htm

http://demo.istat.it/dat81-91/COMUNI/094/T_HTM/094020_T.HTM

http://www.mondimedievali.net/castelli/Molise/isernia/provincia.htm

http://molise.indettaglio.it/ita/comuni/is/forlidelsannio/forlidelsannio.html

http://www.abruzzoforum.com/forums/molise-isernia/messages/324.html

http://maps.google.it/maps?oi=eu_map&q=Forl%C3%AC+del+Sannio&hl=fr

http://domino.provincia.campobasso.it/sitoprov/webcb.nsf/StoriaProvincia?OpenPage

http://www.araldicacivica.it/Molise/Comuni%20is/forl%C3%AC%20del%20sannio.htm

 

 

 Ricette di Forli del Sannio

 

Cicerchiata

Ingredienti: Per la pasta: 300 gr di farina, 150 gr di zucchero, 3 uova, 150 gr di burro; miele; confettini colorati.-

Preparate una pasta frolla con gli ingredienti indicati, formate dei bastoncini che taglierete a piccoli pezzi e friggeteli in olio bollente.
Sciogliete il miele in un tegame e versatevi gli gnocchetti fritti, amalgamate bene e sistemateli in un piatto guarnendo a piacere con confettini colorati
.

Sagne e fasciuole

Ingredienti: Fagioli, pomodori pelati, cipolla, basilico, olio, sale, peperoncino.
Per la pasta: 400 gr di farina, 4 uova, 1 cucchiaio di olio.-

Mettere la farina "a fontana" sulla spianatoia, unitevi le uova, l'olio e formate un panetto di pasta che stendete in sfoglia sottile, usando il matterello.
Lasciate asciugare la sfoglia e tagliatela a listarelle. Fate imbiondire la cipolla nell'olio, aggiungete i pelati, il basilico fresco, il sale e fate cuocere per un pò. Aggiungete i fagioli e fateli insaporire.
Cuocete "le sagne" nell'acqua salata e condite con i fagioli.

Pizza di verdura

Ingredienti: 1 Kg di bietola, pancetta di maiale, 3 uova, prezzemolo tritato, aglio, sale, un pò di pepe, mozzarella, olio, pasta di pane lievitata.

Lessate la verdura, fatela soffriggere con la pancetta tagliata a dadini, l'olio, l'aglio, il prezzemolo, il sale e il pepe.
A metà cottura aggiungete le uova e lasciate cuocere ancora un pò. Quando la verdura si è raffredata aggiungete la mozzarella tagliata a dadini.
Rivestite uno stampo con la pasta, versatevi la verdura e coprite tutto con un'altra sfoglia di pasta.
Infornate la pizza e fate cuocere a 200° per circa 30 minuti.

Scurpelle

Ingredienti: 1 Kg di farina, 20 gr di lievito di birra, 250 gr di patate, uova, sale. 

Lessate le patate, schiacciatele e uniteli agli altri ingredienti.
Impastare bene e lasciate lievitare.
Formate delle pizzette di circa 20 cm di diametro, friggetele in abbondante olio e, se di gradimento, cospargetele di zucchero
.


Dove mangiare nel Molise .

TRATTORIE E OSTERIE

RISTORANTI   PIZZERIE

GASTRONOMIE E ROSTICCERIE

PUBBLICIZZATE LA VOSTRA AZIENDA SUL SITO AMICOMOL