SEPINO

Bid, Buy and Sell on eBay

Traduttore:http://www.systransoft.com/
In the middle of the uncontaminated, green valley of the Tammaro river surrounded by the Matese mountains, Sepino is also a repository of thousands of years of glory, which make it a perfect destination for the lovers of nature and history. Its history is connected to that of the Matese mountain and the wealth of waters, still used today for the Sepinia mineral water and spa treatment, and in the vicinity one of the best preserved dinosaurs in Europe was found.
In the area called Terravecchia there was a prehistoric settlement of the early shepherds of the Bronze Age, then there rose the powerful ancient Samnite town of Ocre Saepinatz, one of the last in Italy to surrender to the Romans in 293 BC. In the area of Altilia the Romans built the town called Saepinum at the crossing of two important communication paths, one coming from the Matese and the other the Pescasseroli-Candela tratturo, where they constructed aqueducts and spas. After the fall of the Roman Empire, Saepinum became a Launguebard center with the name of Altilia (from the German alt-teil meaning old part). But the position in the plain made it very vulnerable which explains the movement of the population in the 8th century to a nearby hill where they built the Castellum Saepini while another part returned to the Samnite area of Terravecchia and built "Castrum Vetus" (=Castelvecchio). In the 11th century AD Sepino was under the Norman County of Bojano.

After the 1456 earthquakealso the inhabitants of Castelvecchio moved where today Sepino rises. In the 15th century Sepino was a flourishing center, also thanks to bishop Antonius Attilius, then under the de Molisio barons it was also seat of a Tribunal under the Kingdom of the Two Sicilies, and among the ten most important centers in Molise. Then it was under other feudal lords: the Capua-Altavilla and the Carafa family. In 1805 a terrible earthquake destroyed most of the town and the castle.

Bouquets for $34.99
WHAT TO SEE:
Archeological site of the Samnite town Saepins in Torrevecchia, of the 4th century BC, a fortress surrounded by cyclopic wars with 3 entrance doors. It was reused in the medieval period, as shown by the ruins of a small church. The acropolis inside was possibly the seat of the Samnite ruler (the "meddix tuticus").
Archeological site of the Roman town Saepinum/Altilia, inhabited up to the fourth century AD, with an outside perimeter of m 1250, surrounded by walls and four doors. The spring of "Tre Fontane", whose water is used for kidney problems.
Church of Santa Cristina, with a mausoleum of bishop Antonio Attilio.

 Per le vostre letture e ricerche su Sepino-Altilia
http://xoomer.virgilio.it/davmonac/sanniti/smsaepin.html
http://www.regionemolise.com/siti_archeologici/altilia.htm
http://www.provincia.campobasso.it/cultura/itinerari/archeologia/2b1.htm
http://www.pagus.it/comuni/sepino/
http://www.archeologia.beniculturali.it/pages/atlante/S147.html
http://www.provincia.asti.it/edu/giobert2/comeb/sepino/sepino.htm
http://www.abruzzoheritage.com/magazine/2003_12/a.htm
http://www.campaniafelix.it/matese/sepino.htm
http://www.net-point.it/comunesepino/sepino.htm
http://www.net-point.it/comunesepino/index.shtml

--------------------------------------------------------------------------------

http://www.ciaociaoitaly.com/sepino.htm
http://www.regionemolise.com/Comuni_online/SEPINO.htm
http://www.viagginrete-it.it/ricerca_vacanze.asp?citta=Sepino&posizione=Montagna
http://www.travellero.it/citta_Sepino%20(Cb)
http://home.arcor.de/rallermann/molise-urlaub/sepino.htm
http://www.deliciousitaly.com/Molisetour13.htm
http://www.amiciriuniti.it/index/qfm/fuseaction/registrationStep4/catalog_id/38801
http://www.pagus.it/progetto/comuni/sepino/
http://www.pagus.it/progetto/comuni/sepino/scristina/index.htm
http://www.emmeti.it/Arte/Molise/ProvCampobasso/sepino/index.uk.html
 http://it.dir.yahoo.com/Aree_geografiche/Paesi/Italia/Regioni/Molise/Province/Campobasso/Citta/Sepino/
http://www.viagginrete-it.it/ricezione.asp?strutture=Sepino
http://www.viagginrete-it.it/ricezione.asp?strutture=Sepino
http://www.termeitaliane.com/molise/sepfr_i.htm
http://www.uniroma2.it/molise/turismo/sepino.html
http://www.discoveritalia.de/luoghi/luogo.asp?IstatCod=14070075000&txtLocalita=Sepino&ISTATReg=&lingua=de
http://www.abruzzoforum.com/forums/molise-campobasso/messages/489.html
http://www.zuccaweb.it/localita/Sepino.asp
http://www.amiciriuniti.it/index/qfm/fuseaction/registrationStep5/org_id/6FAE095C-FDCC-4526-8CCB-9B1AFE99F094
http://surnamesbytown.com/Italy/Towns/cbsepino.html

L'ACQUA DI SEPINO (MOLISE) ORMAI IN AMERICA DEL NORD

'' Best kept secret is finally coming out of Italy!!! ''

''Il complesso di imbottigliamento dell’acqua oligominerale naturale “Sepinia” sorge in una vallata incontaminata dell’Appennino centrale, avvolto dal lussureggiante verde del Massiccio del Matese. A 900 m sul livello del mare, sulle alture sovrastanti l’antica città romana di “Saepinum”, sgorga purissima la sorgente “Sepinia”.Lo stabilimento di produzione, gli impianti di captazione e di imbottigliamento sono stati studiati, analizzati e realizzati con criteri innovativi, con il risultato di essere quanto di più efficiente e moderno oggi esiste nel settore. Lo studio dei contenitori e della strategia di vendita è espressione di innovazione per le necessità attuali e future del marketing & trade, in linea con le aggiornate e rigide normative vigenti in tema di sanità e sicurezz

La Terme di Sepino S.p.A. offre al consumatore un’acqua oligominerale purissima con ottime ed equilibrate caratteristiche organolettiche, garantita attraverso 130 controlli giornalieri di qualità'' .

Qualità indiscutibili per la salute !

 

''La leggerezza delle sostanze e dei sali è distribuita nell’acqua Sepinia in modo da indurre immediatamente, al momento dell’assunzione, una sensazione di gradevolezza e di benessere ed in modo da far assimilare subito all’organismo elementi benefici come calcio, potassio, magnesio e silicio. Sostanze virtuose come il silicio, il bicarbonato ed il selenio, combinate con il basso tenore di sodio, compaiono nella giusta dose e garantiscono un effetto di rinvigorimento che rende Sepinia molto indicata per adolescenti e sportivi. L’acqua Sepinia favorisce particolarmente la diuresi e l’eliminazione dell’acido urico. È indicata per qualsiasi problema di alterazione nel ricambio idrico per le funzioni organiche e per qualsiasi aspetto presente nel delicato e spesso alterato ricambio cellulare; Sepinia dona equilibrio anche all'eccessiva sudorazione cutanea come è stato recentemente confermato dalle analisi di massimi idrologi italiani. Al vantaggioso e benefico uso quotidiano di Sepinia si accompagnano infine le sue virtù digestive''.

 

Properties:

'' When drinking Sepinia water the light elements and salts contained within it immediately offer a  sense of well-being and fine taste  as to  allow for  rapid  organic assimilation of calcium, potassium, magnesium and silicon.  Virtuous elements such as silicon, bicarbonate and selenium, combined with a low sodium content, properly balanced, guarantee a  reinvigorating effect  which makes Sepinia highly indicated for youngsters and athletes.  Sepinia mineral water favours diuresis and  excretion of uric acid; it also induces kidney stone elimination.  It is recommended for  problems  related to water-balance disorders and ailments of the delicate but often altered cellular growth process.  Sepinia is also indicated in case of excessive skin sweat as per recent test analysis confirmed by renowned Italian hydrologists. Besides daily beneficial qualities, Sepinia also offers fine digestive properties'' .

This bottled water from Italy will soon be available to you !

 

Scegliete la legerezza, l'energia, la praticità !

 

Per maggiori informazioni : 905-335-5709

 

 

Frank Mascitelli



http://www.saperviaggiare.it/Molise/Campobasso/sepino.asp
http://www.supertravelnet.com/maps/index.php?country=184_5203_7
http://www.turismomolise.com/public/it/foto.asp?ID=3
http://www.abruzzoforum.com/forums/molise-campobasso/messages/489.html
http://www.enit.it/museiris.asp?ID=2215&Luogo=SEPINO
http://www.giovannirinaldi.it/page/archeo/sepino/
http://www.res99.com/nexres/start-pages/frame.cgi?src=10004012&product=AIR
http://www.turismomolise.com/sepino/itsepinoagri.asp
http://www.orsino.it/scipionyx_00009d.htm
http://www.beautyfarmhotel.com/E/bfh_eu_en.nsf/NextPage/moliseterme?OpenDocument
 http://web.tiscali.it/montana_matese/Sepino/CMMSepi2.htm
http://www.pagineitaliane.it/molise/a1726.html
http://www.congressitalia.com/z4949.htm
http://www.procomac.it/news/news17.htm
http://www.altilia.it/pagine/visite_guidate.htm
http://www.portaleitalia.net/sepino.htm
http://www.discoveritalia.it/luoghi/luogo.asp?IstatCod=14070075000&txtLocalita=Sepino&ISTATReg=&lingua=it


AMICOMOL: IL SITO DEI MOLISANI
http://www.amicomol.com

Find your special someone

SEPINO, RIASSUNTO STORICO: Traduttore:http://www.systransoft.com/

Circondata da verdi boschi, Sepino è un rinomato centro di villeggiatura, tra i più attraenti dell'area matesina. Le sue tipiche atmosfere bucoliche, sono rievocate dalle sue bellezze naturali, costituite da collina e montagna, da vasti boschi e sorgenti, da fiumiciattoli e ruscelli che spesso incontrano dirupi dando luogo ad irruente cascatelle e da un fresco clima estivo.

Circondata da verdi boschi, Sepino è un rinomato centro di villeggiatura, tra i più attraenti dell'area matesina. Le sue tipiche atmosfere bucoliche, sono rievocate dalle sue bellezze naturali, costituite da collina e montagna, da vasti boschi e sorgenti, da fiumiciattoli e ruscelli che spesso incontrano dirupi dando luogo ad irruente cascatelle e da un fresco clima estivo. Le Terme di Sepino sono aperte da Aprile ad Ottobre.
A tutte queste cose Sepino aggiunge al richiamo turistico la possibilità di effettuare in loco, in un ambiente sano e riposante, le cure termali. Nelle campagne sopravvivono i poderi e nel centro abitato il tessuto medievale non ha subito particolari stravolgimenti. Anche per questo motivo il luogo ha ricevuto e continua a ricevere sempre in misura maggiore l'attenzione degli operatori turistici regionali e nazionali.
Situata su una collina, a 702 metri sul livello del mare, alle estreme propaggini nord-orientali del massiccio del Matese, Sepino con la sua cinta muraria a forma di quadrilatero e le sue quattro porte principali domina la valle del Tammaro.
 
 Non ci sono notizie certe sulla nascita di Sepino, ma nel suo nome è racchiusa la storia millenaria dell'incontaminata valle del fiume Tammaro, ricca di sorgenti salutari e di boschi secolari. Durante la sua millenaria storia Sepino ha avuto una triplice collocazione sul territorio: la città sannita in località Terravecchia, la città romana in località Altilia ed infine la città medioevale ed odierna in collina, a ridosso del torrente Tappone, tra il Monte Muschiaturo ed il Pianoro di Campitello. Il primo insediamento Sannita si sviluppò nella pianura della valle del Tammaro, in una zona che era un importante luogo di scambio e bivacco. Per secoli qui passavano le greggi transumanti che dai monti dell'Abruzzo raggiungevano le pianure della costa pugliese.

Pian piano vi iniziarono a sorgere strutture in pietra e veri e propri impianti per la lavorazione delle pelli e così i Sanniti, a protezione del tratturello del Matese, edificarono Saipins, una roccaforte sulla collina di Terravecchia definita da Livio fortissima atque potentissima. A lungo impegnati a contrastare il dominio romano, i Sanniti opposero la più strenua resistenza formando la Lega Italica di cui Sepino fu uno degli ultimi baluardi contro Roma.
Nel corso della terza guerra sannitica, dopo la conquista romana del 295 a. C. furono smantellate le rocche sannitiche più importanti e tra queste la rocca di Saipins che controllava la valle del Tammaro fu espugnata e distrutta dal console romano Lucio Papirio Cursore.

I superstiti si stabilirono a valle all'incrocio di due importanti assi viari (il tratturo Pescasseroli-Candela ed il tratturo che scende dal Matese) nel luogo dove la via che scendeva da Saipins si incontrava con il tratturo fino ad incontrarsi con il fiume Tammaro . Qui si formò una statio che utilizzava una sorgente d'acqua e qui diedero vita alla città romana di Saepinum in località Altilia. Alla fine del II secolo a.C., in seguito ad una radicale trasformazione edilizia, Saepinum si sviluppò intorno al nodo stradale caratterizzato dall'incrocio fra il tratturo principale, decumano, ed il tratturello del Matese, cardo. Dopo la guerra sociale (91-88 a. C.), il territorio fu organizzato secondo lo schema tipico del municipium romano. I Romani costruirono le mura della città ricalcando il perimetro dell'antico recinto e inglobando all'interno l'originario tratturo, non perfettamente ortogonale, dell'insediamento sannita. In età augustea e principalmente negli anni tra il 2 a. C. e il 4 d. C., la città ebbe il suo assetto definitivo; l'imperatore Tiberio vi destinò una colonia romana per l'importanza strategica del luogo, per il controllo della dorsale appenninica e per quello di uno dei principali tratturi della penisola italiana attraverso il quale si reggeva gran parte dell'economia pastorale di questa parte della penisola italiana; edifici pubblici, abitazioni private e monumenti conferirono a Saepinum l'impronta di una tipica città imperiale romana; all'interno la città, presentava tutte le caratteristiche dell'insediamento romano con edifici di culto e di commercio, terme, teatro,foro, basilica e case di abitazione.
 I primi secoli dell'Impero furono i più attivi per Saepinum, ma nel IV secolo d. C. iniziò la sua inarrestabile decadenza: il disastroso terremoto del 346 danneggiò gravemente la città, il nucleo urbano si impoverì riducendosi ancora ulteriormente dopo la caduta dell'impero romano e le invasioni barbariche.
Già dall'inizio del V secolo Saepinum era divenuta sede vescovile: nel 454 sedeva sulla cattedra di Sepino Palladio e nel 501 e nel 502 il vescovo Proculeianus sottoscrisse, gli atti di due Sinodi di Papa Simmaco.
Il crollo demografico e politico fu ulteriormente aggravato dalla guerra greco-gotica (535-553 d.C.) e le calamità naturali, come terremoti ed alluvioni, condussero Saepinum ad una grave crisi economica: gli edifici di maggior prestigio, abbandonati all'incuria, crollarono, la città si spopolò e si espansero le zone acquitrinose e boschive provocando il progressivo abbandono del territorio da parte della popolazione.

Nel 667 Saepinum che aveva preso il nome di Altilia passò sotto il dominio del ducato longobardo di Benevento e fu annessa al Gastaldato di Bojano. Solo quando tutta la piana circostante fu concessa dal duca di Benevento ad una colonia di Bulgari al comando di Altzeco, la città risorse parzialmente e riprese parte della sua importanza strategica recuperando anche il suo antico ruolo amministrativo. Le mutate condizioni politiche e la posizione in pianura, difficilmente difendibile, esposero ancora la città alle disastrose incursioni ed ai continui saccheggi dei Saraceni e ne decretarono il definitivo abbandono (882 d.C.): gli abitanti di Saepinum si rifugiarono parte nella roccaforte di Terravecchia, parte in montagna e parte dove nacque il Castellum Saepini l'attuale Sepino la città medievale ed odierna in collina, a ridosso del torrente Tappone, tra il Monte Muschiaturo e il Pianoro di Campitello che gradatamente divenne il nuovo punto di riferimento della zona.

Alla metà del XI secolo quando giunsero i Normanni poco restava ormai della vivace città romana, ma sul vecchio tracciato del decumano, su cui passava il tratturo, lentamente riprese la transumanza. La Sepino normanna appartenne alla Contea di Bojano, come Baronia del ramo cadetto della famiglia de Molisio e nel XVI secolo i contadini, sentendosi più sicuri, tornarono a stabilirsi nella piana dove ripresero a lavorare terre che per anni erano rimaste abbandonate; essi recuperarono pietre, colonne, capitelli e costruirono abitazioni e stalle. Sull'antica città di Sepino, ormai sepolta da uno spesso strato di terreno, si sovrapposero edifici semplici, ma funzionali, caratteristici per la loro architettura spontanea.
 Nel corso dei secoli Sepino conobbe il dominio di vari signori di cui ultimi furono i Pignatelli. In età borbonica Sepino divenne capoluogo di circondario e sede di Tribunale.
Il futuro, come in parte già il presente, del piccolo centro, è legato alle potenzialità turistiche ed al modo in cui queste verranno sfruttate, trovando fermi punti di appoggio nei luoghi appena citati e nel patrimonio ambientale di rara bellezza. Le origini dell'attuale comune sono legate proprio a questi elementi, insieme a qualche altra particolarità territoriale. I Sanniti, infatti, ritennero che fosse un luogo ideale per l'allevamento del bestiame e lo smercio dello stesso e delle pelli, quello nei pressi dell'incrocio tra il tratturo Pescasseroli-Candela ed il tratturello proveniente dal Matese.

Raileurope.com: See Europe by train

MOLISANI, V'INVITO AL « MOLISANICOFFEE » !
Dalle 16 alle 17, ora pomeridiana Est-Canadà; ora 13-14pm,ovest del Canadà;
ora 22-23 in Europa dell'ovest, ogni mercoledi. (It,Fr,Sv,Gr,ecc.)
Un luogo d'incontro, per far conoscenza, farci una chiacchierata,
scambiare notizie e scambiare idee su soggetti interessanti .
Se siete interessati a questa esperienza, su internet,
procuratevi il sistema PALTALK a questo indirizzo:
http://www.paltalk.com/PalTalkSite/
 (Free Version)